Mafia, interdittiva per una società di mediazione del Mof ma il Tar blocca tutto

Mafia, interdittiva per una società di mediazione del Mof ma il Tar blocca tutto

Calano altre ombre di mafia sul Mof di Fondi. A sospendere un’interdittiva antimafia emessa il 24 settembre scorso dal prefetto di Latina, Maria Rosa Trio, è però ora arrivata un’ordinanza del Tar.

Il prefetto ha emesso l’informativa antimafia interdittiva a carico di Luigi Pinto, di 62 anni, e del suo omonimo, di 57 anni, soci della Carol Mediazioni srl, società di mediazione commerciale con sede a Fondi e impegnata nel Mercato Ortofrutticolo. Un provvedimento preso alla luce di alcuni accertamenti compiuti dal gruppo investigativo interforze e che hanno portato sia il Mof spa a revocare all’azienda l’autorizzazione per operare nella struttura di viale Piemonte che a una segnalazione all’Anac, con relativa annotazione nel Casellario informatico dei contratti pubblici, a carico della stessa azienda.

Tutti atti che i due Luigi Pinto hanno impugnato. Il Tar di Latina ha così ora sospeso tali provvedimenti, specificando che ad un sommario esame del ricorso “non appare chiaro il collegamento tra i soci della Carol Mediazioni srl (i ricorrenti) e Pinto Crescenzo, indicato come socio di maggioranza nella informativa prefettizia”.

Sulla vicenda i giudici amministrativi si pronunceranno comunque nel merito, decidendo se annullare l’interdittiva e gli atti alla stessa collegati, il prossimo 21 febbraio.

Comments are closed.

h24Social