Il geometra fedelissimo del dirigente ai lavori pubblici

Il geometra fedelissimo del dirigente ai lavori pubblici

AGGIORNAMENTO – “Una figura professionale, esterna all’Ente, di comprovata esperienza professionale e competenza”. Così recita la determina dirigenziale 236, con cui il Comune di Formia, il 29 agosto di un anno fa, indice una pubblica selezione per l’individuazione di un Geometra.

A vincerla é Luigi Nardella, un habitué del palazzo comunale gradito al Partito Democratico (“Rientrano nei Lavori Pubblici l’Architetto Marilena Terreri e Luigi Nardella, un tandem già esistente nelle precedenti amministrazioni di centro sinistra. Il loro posizionamento ha il sapore dell’appartenenza ad un’antica tradizione che li vuole come il braccio esecutivo del Sindaco in materia di lavori pubblici”), con ufficio a Castellone, nello stesso palazzo dove ha sede la società dell’ingegner Filippo Romano, marito del dirigente comunale Marilena Terreri con cui ha ormai un rapporto di collaborazione ventennale. “Attività svolta del tutto assimilabile a quella di lavoro dipendente a tempo indeterminato”, riporterà nel 2008 Vito Tatò, dirigente dei servizi ispettivi di finanza pubblica per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanza in merito agli incarichi di consulenza e assistnza tecnica conferiti dal Comune al Geometra.

La trivella in azione al porto (un anno fa)

La trivella in azione al porto (un anno fa)

Di Nardella avevamo riportato recentemente intorno alla vicenda del nuovo molo di attracco per navi da crociera previsto al molo Vespucci. Un cantiere attualmente fermo, dove si è verificato un errore di progettazione che ha richiesto una variante da circa 200mila euro, e dove Nardella figura in carica, per la cifra di 23.200 euro, come responsabile del controllo sulla sicurezza.

“Supporto allo svolgimento di attività tecniche, amministrative e di contabilità lavori connesse all’esecuzione di opere pubbliche”, è, invece, l’incarico che gli verrà assegnato dal primo ottobre 2014 in Comune. Fino al 31 gennaio di quest’anno. E poi prorogato fino al 31 dicembre prossimo.

Comune di Formia

Comune di Formia

Il rapporto tra Nardella e il Comune di Formia, in realtà, dotrebbe risalire addirittura al 1995 tenendo conto della Relazione sulla verifica Amministrativo – Contabile eseguita dal 26 maggio al 18 luglio 2008 al Comune di Formia dal dirigente Vito Tatò, del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Ispettorato Generale di Finanza – Servizi Ispettivi – Settore V.

– ndr per alcune d’ore è stato on line un paragrafo che riferiva di un geometra con lo stesso nome e cognome del professionistra di cui riportiamo. Ci scusiamo sentitamente con l’interessato per l’evidente e non voluto errore dovuto all’omonimia SEGUE A FINE PEZZO AGGIORNAMENTO – RICHIESTA DI PRECISAZIONE dall’avvocato Patrizia Menanno delle ore 21.32 lunedì 25 maggio 2015

(Sotto la targa apposta all’ingresso del Palazzo dove hanno sede gli uffici di Luigi Nardella – seconda a sinistra – e Filippo Romano – in basso a destra -)

Il sindaco Bartolomeo e dietro la dirigente Terreri

Il sindaco Bartolomeo e dietro la dirigente Terreri

L’ULTIMO INCARICO IN COMUNE – A formare la Commissione di gara per l’affidamento dell’incarico, che poi andrà a Nardella, a settembre 2014 erano stati chiamati il dirigente del settore Opere Pubbliche Marilena Terreri in qualità di presidente, il dirigente del settore Urbanistica ed Edilizia Sisto Astarita come commissario, che a marzo subentrerà alla Terreri come Rup dei lavori per il nuovo molo Vespucci, il funzionario in servizio al Settore Lavori Pubblici Maria Gennaro, sempre in qualità di Commissario. E come segretario verbalizzante Loredana Civitillo, funzionario in servizio al Settore Lavori Pubblici (det_254_2014-oopp).

Dodicimila euro la cifra stanziata e impegnata per il pagamento del professionista. Il 15 settembre, dopo una prima prova, venivano ammessi alla seconda fase della selezione riguardante la valutazione delle capacità previo colloquio orale, due candidati. Uno dei due era proprio Nardella che otteneva 47,9 punti mentre il secondo soltanto 31,5. Il 22 settembre, all’esito del colloquio, Nardella otteneva ulteriori 42,5 punti, 30 l’altro. A ricoprire quindi l’incarico veniva pertanto chiamato il Geometra che entrava in carica dal primo ottobre con scadenza 31 gennaio (det_268_2014-oopp), atto siglato dalla dirigente Terreri

Tutto legittimo e regolare con il Geometra che, all’atto della firma del contratto, sottoscrive anche una scrittura privata per cui all’articolo 1 é previsto tra l’altro “in particolare, il supporto allo svolgimento di attività tecniche, amministrative e di contabilità lavori per gli interventi di seguito elencati: realizzazione nodo di scambio e collegamento SS/7 bis; lavori di completamento parcheggio multipiano delle Poste – Arredo urbano; Interventi POR-FESR Lazio Plus Appia via del Mare”.

LA PROROGA – Il 30 gennaio scorso, ecco la novità (det_427_2015): proprio basandosi su quella scrittura privata, si aggiunge: “Atteso che tali attività non sono ancora concluse e che, relativamente agli interventi POR-FESR Plus Appia via del mare, la Regione Lazio con determinazione dipartimentale n° G00392 del 22.01.2015 ha rimodulato il parco progetti con il rifinanziamento di ulteriori opere; Considerato che il funzionario sostituito, assente dal servizio dai primi di agosto ’14, è rientrato in servizio solo da pochi giorni e necessita di un tempo sufficiente per entrare a pieno nelle problematiche quotidiane e nelle soluzioni delle stesse; vista la nota prot. OP/2015/112 del 30.01.2015 del dirigente del Settore circa la possibilità di concessione di una proroga al suddetto geometra; accertata la volontà dell’Amministrazione, giusta nota prot. OP/2015/113 del 30.01.2015, di voler concedere, in considerazione delle motivazioni su esposte, una proroga fino a tutto il 31.12.2015 al geometra Luigi Nardella, per l’incarico professionale di supporto allo svolgimento di attività tecniche, amministrative e contabilità connesse all’esecuzione di opere pubbliche, alle stesse condizioni economiche, patti e condizioni di cui al contratto n° 08/OP deH’1.10.2014; il Comune proroga l’incarico professionale per il supporto allo svolgimento di attività tecniche, amministrative e di contabilità lavori connesse all’esecuzione di opere pubbliche al geometra fino a tutto il 31 dicembre 2015“.

Compenso? 33mila euro. La firma? Sempre della dirigente Marilena Terreri.

Marilena Terreri

Marilena Terreri

4.2.1. INCARICO DI CONSULENZA E ASSISTENZA TECNICA CONFERITO AL GEOM. LUIGI NARDELLA, PG.105 – E’ il numero e il titolo del paragrafo che Vito Tatò, dirigente dei servizi ispettivi di finanza pubblica per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanza, assegna a quello che definirà “un rapporto di lavoro dipendente” tra il Comune di Formia e il geometra Luigi Nardella all’interno di un più ampio capitolo dedicato  agli incarichi professionali (Relazione sulla verifica Amministrativo – Contabile eseguita dal 26 maggio al 18 luglio 2008 al Comune di Formia).

Vito Tatò

Vito Tatò

LE CONCLUSIONI DI TATO’ ALLA RELAZIONE – E la sintesi dell’epoca, prima di entrare nel dettaglio, suona come una sentenza sull’operato dell’amministrazione dell’epoca guidata come oggi dal sindaco Sandro Bartolomeo: “Presso il Comune di Formia sono stati conferiti, sin dall’anno 1999, una serie di incarichi professionali per far fronte alle normali esigenze degli uffici. Il sistematico conferimento di incarichi a convenzione, appare inquadrato in un preciso disegno politico e amministrativo volto a sopperire alle esigenze amministrative mediante personale chiamato in via diretta o selezionato a mezzo di procedure poco pubblicizzate, anziché effettuare assunzioni tramite regolari concorsi pubblici”.

Una descrizione vecchia e fuori dal tempo? Niente affatto.

NARDELLA IL FEDELISSIMO – Nel merito: “Sin dall’anno 1995 al geometra Luigi Nardella è stato conferito un incarico di consulenza e assistenza tecnica al settore opere pubbliche. L’incarico iniziale è sempre stato prorogato negli anni successivi e in questa sede verrà esaminato quanto accaduto dall’anno 2004”.

E andando a leggere il curriculum del dirigente Terreri (curriculum_vitae_TERRERI_MARILENA), dal 1991 Funzionario del Comune di Formia – Settore Tecnico, dal 2001 all’ottobre 2008 Dirigente del Settore Opere Pubbliche e Manutenzione Urbana per poi ricoprire altri incarichi dirigenziali sempre nello stesso Comune, è inevitabile notare come le due carriere procedano a braccetto, quasi simbiotiche.

Il Ministero dell'Economia dove ha sede la Ragioneria Generale dello Stato

Il Ministero dell’Economia dove ha sede la Ragioneria Generale dello Stato

L’INCARICO DEL 2003 – La relazione del Dirigente dei servizi ispettivi di finanza pubblica si avvia dunque nel 2003 quando, con delibera di Giunta Comunale n. 3 del 27 giugno 2003, viene proposto l’affidamento al geometra Nardella dell’incarico di consulenza e assistenza tecnica al Dipartimento opere pubbliche per il periodo 1 luglio 2003 – 30 giugno 2004 per un corrispettivo di 32mila euro, iva e contributi compresi. “In tale deliberazione – scrive Tatò – veniva richiamato l’accertamento dell’impossibilità di adempiere con il personale in organico ai compiti affidati al consulente, in quanto lo stesso risultava impegnato in altri compiti d’istituto. Tanto premesso, si rileva come non sia stato effettuato alcun accertamento della presenza di professionalità interne in grado di adempiere al compito. Si sostiene, invece, che le stesse esistano ma risultano impegnate in altre attività. Come specificato in precedenza, la presenza di professionalità interne determina l’illegittimità dell’affidamento di un incarico di consulenza”.

Con determinazione 347 dell’8 luglio 2003 del Dipartimento opere pubbliche veniva impegnata la spesa necessaria al pagamento delle competenze al professionista e, in data 31 luglio 2003, veniva sottoscritta la convenzione tra il Comune di Formia e il geometra Luigi Nardella, dalla quale si può rilevare, all’articolo 2, che, scrive Tatò, “l’incarico appare del tutto generico, essendo lo stesso “…relativo a prestazioni inerenti attività di contenuto tecnico amministrativo per consulenza e assistenza al Dipartimento Opere Pubbliche, procedure relative alla realizzazione di opere di progettazione, esecuzione, controllo in contraddittorio delle direzioni lavori esterni, delle relative contabilità, controllo della regolare esecuzione dei lavori e delle opere appaltate ed eventuali collaudi, sotto le specifiche direttive del Dirigente del Dipartimento” (ndr proprio come nel 2014).

“Appare evidente, come l’attività oggetto dell’incarico sia del tutto equiparabile a quella di un normale tecnico in forza all’ufficio. La sostanziale qualificazione dell’attività svolta alla stregua della normale attività lavorativa dei dipendenti, appare evidente esaminando la determinazione n. 698 del 15 dicembre 2003 del Dipartimento opere pubbliche e manutenzione urbana avente a oggetto “prestazioni di lavoro straordinario da parte dei geometri convenzionati”.

Con tale atto, viene specificato che i geometri convenzionati dovranno effettuare un numero di ore maggiore di quelle previste, per cui viene impegnata l’ulteriore somma di 2600 euro”.

Sandro Bartolomeo

Sandro Bartolomeo

LA PROROGA DEL 2004Il lavoro si dovrebbe dunque concludere il 30 giugno 2014 ma due giorni prima, con determinazione n. 366 del 28 giugno 2004 del Dipartimento opere pubbliche e manutenzione urbana, l’incarico a Nardella viene prorogato di un ulteriore anno “portando il compenso a 32627,45 euro e prelevando le necessarie risorse mediante storno dal capitolo 257/07 – Spese diverse di manutenzione urbana al capitolo 254 – Incarichi professionali”.

Per Tatò “Riguardo a quest’ultimo incarico, sono estensibili le medesime considerazioni espresse in relazione all’incarico precedente. Inoltre, non è stata documentata la sottoscrizione di un’apposita convenzione con il consulente”.

NEL 2005 IL COMUNE SI DA’ DELLE REGOLE (?) – Con deliberazione di Giunta Comunale n. 89 del 17 marzo 2005, venivano intanto dettate direttive in materia di conferimento di incarichi esterni, richiamando la necessità di ricorrere agli stessi esclusivamente in conformità alle indicazioni fornite dal Dipartimento della Funzione Pubblica. In particolare, veniva prevista l’obbligatoria indicazione dell’oggetto della prestazione e dei contenuti in dettaglio.

ragioneria

La prima pagina della relazione del 2008

LA PROROGA DEL LUGLIO 2005… FINO AL DICEMBRE 2007 – “Nonostante il quadro normativo consolidato e le specifiche disposizioni impartite dalla Giunta, con determinazione n. 358 del 4 luglio 2005 del Dipartimento opere pubbliche e manutenzione urbana (ndr dirigente Terreri), veniva stabilito di rinnovare l’incarico al geometra Luigi Nardella sino al 31 dicembre 2007, per un impegno complessivo di 81568,63 euro.

Anche in questo caso, veniva ribadito che l’incarico risultava essere conferito per “…sopperire a grosse vacanze di organico…”. Non veniva inoltre indicato quali dovessero essere gli specifici compiti affidati al tecnico. Non può ritenersi ulteriormente meglio specificato, l’oggetto dell’incarico a seguito dell’emanazione della determinazione n. 459 del 22 agosto 2005 del Dipartimento opere pubbliche e manutenzione urbana e della sottoscrizione della convenzione con il professionista, in quanto, nella stessa viene esclusivamente indicato che l’incarico riguarderà il “…supporto del RUP per le opere pubbliche in programma nel Comune di Formia, di consulenza al dirigente nel controllo degli atti amministrativi e contabili relativi alle opere pubbliche inserite nel programma triennale…””.

L’ULTIMA PROROGA… -Con determinazione n.642 del 24 dicembre 2007 del Dipartimento opere pubbliche e manutenzione urbana, veniva ulteriormente prorogato l’incarico al geometra sino al 31 dicembre 2008, per un compenso di 32627,45 euro, oneri inclusi.

“L’oggetto dell’incarico – osserva Tatò – risulta assolutamente identico al precedente, peraltro, sono estensibili allo stesso le medesime considerazioni relative agli incarichi già conferiti”.

RAGIONERIA_GENERALE_DELLO_STATO_2INCARICHI ILLEGITTIMI – Per concludere l’esposizione, sottolinea Tatò, “si evidenzia come al geometra Luigi Nardella siano stati conferiti almeno dall’anno 2003 una serie di incarichi per sopperire a carenze quantitative di organico, senza che sia stata effettuata una rivelazione delle eventuali carenze interne di professionalità. Dagli atti, appare evidente che le professionalità interne fossero presenti, ma risulterebbero impegnate in altre attività. Quanto all’oggetto dell’incarico, lo stesso è sempre stato indicato in maniera del tutto generica, impiegando il professionista nelle attività che si rendevano di volta in volta necessarie.

Inoltre, a decorrere dall’anno 2004, non essendo mai stata effettuata la prescritta comunicazione all’anagrafe delle prestazioni, nessun incarico poteva essere legittimamente conferito. Va inoltre evidenziato, come il professionista abbia continuato a fatturare le proprie prestazioni anche per i periodi non coperti formalmente da incarichi, evidenziando, ancora una volta, come nei fatti l’attività svolta fosse del tutto assimilabile a quella di lavoro dipendente a tempo indeterminato”.

E conclude: “Da quanto esposto, si rileva l’illegittimo affidamento degli incarichi al geometra Luigi Nardella”.

 

AGGIORNAMENTO RICHIESTA DI PRECISAZIONE – ore 21.32 Lunedì 25 maggio 2015

OGGETTO: INVITO A RETTIFICARE  – Riceviamo dall’avvocato PATRIZIA MENANNO RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI SIG. LUIGI NARDELLA articolo comparso il 24 maggio 2015 su h24 dal titolo “il geometra fedelissimo del dirigente ai lavori pubblici”

In nome e per conto del geometra Luigi Nardella, nato a Formia il 20.02.67 e ivi residente, che sottoscrive la presente ai fini di legge, sono a significare quanto segue:

  • Il giorno domenica 24 Maggio 2015, intorno alle ore 8 del mattino veniva pubblicato sul sito H24 (https://www.h24notizie.com/news/) un articolo dal titolo “Il geometra fedelissimo del dirigente ai lavori pubblici” con una foto ingrandita del sig. Luigi Nardella in primo piano tratta, senza autorizzazione, dalla sua pagina facebook;
  • L’articolo proseguiva indicando il Nardella come “habituè del palazzo comunale”, irridendolo perché definito “una figura professionale, esterna all’Ente, di comprovata esperienza professionale e competenza” (enfatizzato dal grassetto e dal virgolettato), “gradito al partito democratico”, collegandolo a vicende risalenti al 1995 e relazionandolo a indagini ispettive del Ragioneria Generale di Stato;
  • Si aggiungeva poi “dire Nardella significa anche dire Sacen, Napoli” prelevando anche qui, senza autorizzazione, le notizie sul suo profilo facebook e connettendo questa azienda a una ditta di San Cipriano d’Aversa colpita da interdittiva antimafia;
  • Dopo qualche ora, all’incirca nel primo pomeriggio di domenica, l’articolo a firma di “redazione” veniva modificato, eliminata la foto del geom. Nardella e tutta la parte relativa al suo profilo fb (compresa la seconda foto pubblicata) oltre che i collegamenti con la società Sacen a r.l., con un laconico commento inserito nel corpo dell’articolo “ndr per alcune ore è stato on line un paragrafo che riferisce di un geometra con lo stesso nome e cognome del professionista di cui riportiamo. Ci scusiamo sentitamente con l’interessato per l’evidente e non voluto errore dovuto all’omonimia”;
  • Orbene, è evidente che tale inciso intercalato nel corpo dell’articolo – che ormai era stato letto da decine di utenti e condiviso molteplici volte – non è sufficiente a eliminare l’ignominia subìta a causa del titolo e del tenore dello stesso nonché per le foto che hanno campeggiato in primo piano per ore;
  • È, poi, altresì, evidente che la modifica tardiva dell’articolo, in due steps successivi, in assenza di una formale e più visibile rettifica non è sufficientemente riparatoria per il mio assistito, vittima di numerose violazioni di legge perpetrate a suo danno: in primis, l’utilizzo abusivo di fotografie e la lesione del diritto all’immagine on line, con pregiudizio al decoro e alla reputazione dello stesso e dei suoi congiunti; la tutela legale consente, infatti, la pubblicazione nei soli casi ammessi dalla legge (nessuna delle ipotesi era riscontrabile nell’articolo de quo) o se vi acconsente il soggetto ritratto involgendo ciò anche le norme sulla privacy;
  • La seconda e più importante è che la notizia riportata è falsa e lesiva della personalità del sig. Luigi Nardella, il quale non ha mai avuto rapporti con l’Amministrazione Comunale di Formia né con la Dirigente Terreri ma li ha avuti e li ha con la Sacen s.r.l. della quale è dipendente da anni come geometra di cantiere, screditata sol perché di Napoli e collegata in maniera del tutto improvvida a una ditta colpita da interdittiva antimafia di San Cipriano D’Aversa; a tal proposito, val la pena ricordare che la Sacen s.r.l. è una stimata e solida azienda sul mercato da mezzo secolo mai neppure sfiorata da ombre relative a presunti collegamenti mafiosi ed ha eseguito ed esegue prestigiosi lavori su tutto il territorio nazionale (per tutti la Basilica di San Francesco d’Assisi);
  • Ma, al di là del fatto che la notizia è stata pubblicata su uno dei più autorevoli e diffusi blog d’informazione del Lazio, H24 notizie, visionato da centinaia di utenti, essa è ancora presente nella sua versione originaria non modificata sul sito regionale http://it.geosnews.com/p/it/lazio/lt/il-geometra-fedelissimo-del-dirigente-ai-lavori-pubblici_6537113;

–   Si verte, allora, nella fattispecie della lesione del diritto all’identità personale, essendo stati falsamente attribuiti al geometra Luigi Nardella comportamenti e fatti che lo stesso non ha tenuto e che non sono avvenuti di talché l’articolo in oggetto non può ritenersi espressione del legittimo esercizio del diritto di cronaca difettando la verità dei fatti divulgati;

–   Appare, quindi, indispensabile una formale rettifica con la mera finalità di evitare che la pubblicazione offensiva del prestigio e della reputazione del geometra Luigi Nardella possa continuare a produrre effetti lesivi, non potendo liminare i danni già prodotti, escludendosi che i dati personali e sensibili del sig. Nardella (utilizzati senza il consenso dello stesso), siano stati pubblicati per finalità giornalistiche e conformemente al Codice Deontologico dei Giornalisti (art. 5 e 6) e, anzi, sotto entrambi tali profili, da ritenersi illeciti, come tali obbligando al risarcimento di tutti i danni non patrimoniali subìti e subendi;

Ciò premesso, il sig. Luigi Nardella

invita

codesta Spett.le Società, l’editore, il direttore e il giornalista responsabili a provvedere, ciascuno per quanto di ragione, senza indugio, a pubblicare rettifica puntuale e a far rimuovere dal sito regionale in premessa indicato e da altri ove eventualmente presente, la notizia de qua.

Contestualmente, si chiede, sin d’ora, il risarcimento di tutti i danni non patrimoniali subiti e subendi dal sig. Luigi Nardella per il titolo innanzi specificato la cui quantificazione, in difetto di accordo stragiudiziale tra le parti, sarà richiesta in via equitativa all’Autorità giudiziaria competente.

 

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social