TACCONI SUD: IL GIUDICE DICE NO AL CONCORDATO PREVENTIVO. PROSSIMA UDIENZA IL 10 NOVEMBRE

Lo stabilimento Tacconi Sud

Il giudice del Tribunale di Latina ha deciso per il no al concordato preventivo per l’azienda tessile Tacconi Sud e rinviato l’udienza al prossimo 10 novembre. Secondo quanto spiega in una nota Rosa Gianicola delle Rsu aziendali: “Il giudice ha ritenuto inammissibile il concordato preventivo presentato, non a causa del piano industriale, ma a causa dei dati forniti dal titolare d’azienda. Ora dobbiamo dunque mantenere il presidio almeno fino al 10 novembre. Le nostre vite per il momento sospese, debbono resistere allo scoramento di una possibilità che ci sembrava vicina, temiamo che l’industriale che aveva presentato il piano industriale, per evadere la commessa acquisita, cerchi un altro capannone. Sarebbe opera di verità pubblicare l’elenco degli ultimi licenziamenti e delle famiglie che vivono con un assegno di cassa integrazione da 800 euro al mese”.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tacconi Sud, presentata l’interrogazione – 6 maggio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tacconi Sud, firmato al Ministero il decreto per la cassa integrazione – 10 maggio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tacconi Sud, sale la tensione in vista della prima udienza fallimentare – 21 maggio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tacconi Sud, buone notizie dopo la prima udienza dal giudice fallimentare – 9 giugno -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Svolta Tacconi Sud: ritirata l’istanza di fallimento, c’è un piano industriale – 7 luglio -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social