OMICIDIO COLELLA, LA FAMIGLIA DI VALENTINA PROSEGUE LE INDAGINI SU CARLO EMANUELE CALIMAN

Carlo Emanuele Caliman

Vuole vederci chiaro e ottenere dalla Prefettura il “provvedimento di attribuzione della qualifica integrativa di agente di pubblica sicurezza”. Così l’avvocato Ferruccio Rizzi, legale della famiglia della 25enne Valentina Colella, la ragazza uccisa a Spigno Saturnia dal 38enne agente scaurese della Polizia Provinciale Carlo Emanuele Caliman. Non bastano infatti le venti pagine di titoli di referenza e autocertificazioni, ottenute qualche dieci giorni fa e  fornite dal settore risorse umane della Provincia di Latina, che hanno contribuito al riconoscimento dell’idoneità e, quindi, al rilascio del certificato di porto d’armi a Carlo Emanuele. Serve qualcosa in più e che solo l’Ufficio Territoriale del Governo di Latina può fornire. E l’avvocato sta preparando la richiesta.

Valentina Colella

***ARTICOLO CORRELATO*** (Uccide l’ex compagna a colpi di pistola, ARTICOLO e VIDEO – 16 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (L’autopsia: un solo colpo avrebbe ucciso Valentina Colella – 16 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (I funerali di Valentina Colella – 18 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (La famiglia Colella chiede di visionare la documentazione di assunzione nella Polizia Provinciale di Carlo Emanuele Caliman – 4 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Omicidio Valentina Colella, la confessione del “prete” – 16 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Omicidio Colella, consegnata alla famiglia di Valentina la delibera sull’assunzione di Caliman in Polizia – 7 maggio -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social