Droga e corruzione in carcere: arresti domiciliari per un 38enne

Droga e corruzione in carcere: arresti domiciliari per un 38enne

Arresti domiciliari per Antonio Di Noia, 38enne di Latina coinvolto nell’inchiesta su spaccio di droga e corruzione all’interno del carcere del capoluogo pontino. L’indagato è accusato, insieme al detenuto Gennaro Amato, di aver corrotto con quattromila euro l’ispettore Franco Zinni il 18 gennaio 2018, consentendo così ad Amato di poter utilizzare un telefono, di far entrare e uscire dalla struttura detentiva messaggi e di introdurre nel penitenziario oggetti e alimenti non consentiti. Il Riesame, accolto il ricorso del 38enne, difeso dagli avvocati Oreste Palmieri e Giuseppe Lauretti, ha ora concesso a Di Noia i domiciliari. Il 38enne, dopo aver scelto di essere giudicato con rito abbreviato, verrà processato il prossimo 15 aprile dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Giorgia Castriota.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]