PESCA, L’UNIONE EUROPEA ‘COPIA’ DAL GOLFO DI GAETA

Maria Damanaki

Maria Damanaki, commissario europeo alla Pesca, ha recentemente proposto l’idea di pagare i pescatori per pescare i rifiuti. Il commissario alla pesca Damanaki ha portato la proposta in Commissione europea, dopo essere stata letteralmente bersagliata a causa di un’altra proposta che chiedeva di vietare di gettare in mare il pesce commestibile. Due terzi del pesce pescato in alcune zone, infatti, è gettato in acqua, di solito morto, perché le flotte superano la loro quota stabilita dalla legge. Senza volerlo, infatti, catturano altri pesci che, se scoperti, gli procurerebbero una multa. Si calcola che circa un milione di tonnellate sono gettate ogni anno nel solo Mare del Nord. Invece di cedere di fronte alla pressione dell’industria della pesca sulla questione, la Damanaki ha promesso di andare avanti con il divieto di rigettare in mare il pesce, offrendo allo stesso tempo ai pescatori una fonte alternativa di reddito. Nell’ambito di un progetto pilota che sarà avviato nel Mediterraneo questo mese, i pescatori saranno dotati di speciali reti fatte apposta per radunare i detriti di plastica che minacciano la vita marina, e inviarli poi alle aziende che li riciclano. L’Unione Europea inizialmente sovvenzionerà l’iniziativa. Un progetto simile, realizzato nel Mare del Nord, riuscì a recuperare oltre 20.000 tonnellate di rifiuti marini all’anno, tanto da portare alcuni pescatori a occuparsi solo di rifiuti, anche se su base volontaria. Secondo una relazione del Save the North Sea project, i pescatori impiegano normalmente circa 1-2 ore alla settimana in media per rimuovere i rifiuti dalle loro reti e i detriti marini possono anche danneggiare gli attrezzi da pesca e contaminare i pesci.

Erminio DI NORA

In questo modo invece si potrebbero ottenere diversi vantaggi: ridurre la quantità di pesce pescato, ridurre la quantità di rifiuti in mare, creare posti di lavoro e/o integrazioni reddituali. Onore al merito va dato ai pescatori del Golfo di Gaeta che, da veri precursori, su un progetto di Erminio Di Nora – esperto del settore pesca e acquacoltura –  nel 2007-2008 già avevano avviato un progetto analogo di pulizia del mare, Lontano dagli Occhi. E anche il Progetto Pescambiente redatto a cura del Comandante della Guardia Costiera di Gaeta, Francesco Tomas, e promosso dall’assessore all’Ambiente della Provincia di Latina Gerardo Stefanelli. E, non ultimo, per evitare i rigetti in mare, il progetto Doni dal Mare per donare il pesce di seconda e terza qualità alle persone meno fortunate.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social