Criminalità organizzata: vertice tra il prefetto di Latina e quello di Caserta

La sede della Prefettura di Latina

Nella mattinata di giovedì, presso la Prefettura di Latina, si terrà la prima riunione congiunta dei Gruppi provinciali Interforze, presieduta dal prefetto pontino Maurizio Falco e dall’omologo di Caserta Raffaele Ruberto, per l’attuazione e lo sviluppo dei progetti denominati Ma.Cr.O., pensati nell’ambito del Laboratorio interdisciplinare di studi sulla mafia e le altre forme di criminalità organizzata. Lo scopo principale? La caccia ai colletti bianchi legati ai clan. 

“L’iniziativa – sottolineano dalla Prefettura di Latina – si inserisce nell’approfondimento dello scambio informativo tra territori contigui, caratterizzati da una elevata presenza della criminalità organizzata che merita, soprattutto in vista dei prossimi investimenti pubblici collegati al sistema Paese, una sempre più aggiornata conoscenza dei movimenti societari sospetti e delle nuove possibili interazioni tra i gruppi criminali delle due province”.

“In particolare – continuano i vertici del presidio governativo di piazza della Libertà – l’obiettivo è quello di avviare un’azione condivisa di analisi dei dati economico-sociali meritevoli di approfondimento, per un sempre aggiornato quadro di situazione del trend socio-economico interprovinciale, al fine di anticipare sul piano previsionale i possibili scenari e rafforzare, in una prospettiva di sistema, l’azione di prevenzione amministrativa delle infiltrazioni della criminalità organizzata, attraverso le interdittive antimafia e i controlli sulle ditte che possono essere inserite nella cosiddetta white list degli operatori economici abilitati a contrattare con la pubblica amministrazione”.