Vince “Tu sì que vales” ma la versione è di Desiré Capaldo

Vince “Tu sì que vales” ma la versione è di Desiré Capaldo

Non si tratta di un plagio, ma di un’interpretazione unica, quella che la cantante fondana Desiré Capaldo ha fatto – ormai alcuni anni fa – di quel “C’era una volta il west” di Morricone. L’interpretazione che l’ha resa celebre, anche – e soprattutto – fuori i confini nazionali e che ha raggiunto cifre da capogiro sui social e su Youtube. Un’interpretazione con una tonalità che prima non esisteva e che per coloro che un minimo si intendono di musica, sanno che quella versione è di Desiré.

Ma lo sa soprattutto lei, la cantante fondana ormai spesso in tournée all’estero. Proprio all’estero, infatti, Desiré aveva avuto la prima investitura, in un Talent in Germania. E proprio un Talent, riporta quella versione in primo piano. Perché l’altra sera, a trionfare in “Tu sì que vales”, un po’ a sorpresa, è stata la cantante lirica Enrica Musto, con una versione proprio di “C’era una volta il west”.

E via alle polemiche, perché, basta riascoltare la versione di Musto e quella di Capaldo per rendersi conto della somiglianza tra le due, nella versione e nell’interpretazione. Anche se a dire la verità, Desiré Capaldo, che ha affrontato il tema anche sulle proprie pagine social ha precisato: “Mi sento anche orgogliosa che qualcuno mi copi, però che peccato mancare di originalità e non aver neppure fatto minima menzione di me! Cari autori di “Tu si che vales”, diciamo che stavolta non è farina del vostro sacco“.

Citazione o non citazione, come si diceva prima, non si tratta di plagio, ma di una versione, se non identica, almeno molto simile a quella della soprano di Fondi che ha anche inserito nel suo album, mentre dalle colonne di un altro quotidiano locale si parla di “gaffe” degli autori di Canale 5.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social