Processo 'Caronte', parla l'investigatore della Mobile che ha indagato sulla 'guerra criminale'

Processo 'Caronte', parla l'investigatore della Mobile che ha indagato sulla 'guerra criminale'

processoNuova battaglia in aula nel processo “Caronte”. Sotto una pioggia di eccezioni da parte delle difese dei 34 imputati, a testimoniare è stato l’ispettore Vincenzo Perna, uno degli investigatori della squadra mobile che ha seguito più da vicino le indagini sulla cosiddetta guerra criminale tra rom e non rom. E proprio su tale spaccato di vera e propria storia latinense il testimone ha parlato, partendo dalla genesi dello scontro agli sviluppi che hanno poi portato al processo in corso, dopo che la Procura ha ipotizzato la costituzione di un’associazione per delinquere da parte delle famiglie di origine nomade Ciarelli e Di Silvio, finalizzata a monopolizzare il business dell’illecito nel capoluogo pontino.

Per l’ispettore Perna il confronto è iniziato con l’omicidio di Ferdinando Di Silvio, detto “Il Bello”, saltato in aria accendendo la sua auto nell’estate 2003, a Capoportiere. Il sospetto degli inquirenti è stato sempre quello che, per schermaglie negli affari criminali, l’esponente della famiglia nomade era stato ucciso, ed era stato ucciso ricorrendo a un gesto eclatante come quello di una bomba azionata con un radiocomando, da parte dei non rom, la mala storica di Latina decisa a mostrare i muscoli. Altri scontri sugli affari avrebbero poi portato, a fine gennaio 2010, all’attentato ai danni dell’uomo forte dei nomadi, Carmine Ciarelli, scampato miracolosamente alla morte dopo essere stato raggiunto da numerosi colpi di pistola a Pantanaccio.

E la risposta non si sarebbe fatta attendere: poche ore dopo è stato ucciso Massimiliano Moro, il giorno successivo Fabio Buonamano e dopo due mesi è sfumato il tentativo di omicidio di Fabrizio Marchetto. Tanto per ricordare gli episodi salienti della guerra criminale. Un altro tassello nella ricostruzione delle dinamiche dello scontro che si sta compiendo nel corso dell’istruttoria, davanti ai giudici Donatella Salari, Cecilia Cavaceppi e Luigi Giannantonio, è stato messo.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – Latina, operazione della Squadra Mobile, 34 arrestati nel clan Ciarelli – Di Silvio. Il Prefetto si complimenta – 16 aprile 2012 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Latina, processo Caronte: tre condanne – 28 gennaio 2013 -)

 ***ARTICOLO CORRELATO*** (Latina, processo “Caronte”: testimonia il padre di uno degli imputati – 10 luglio 2013 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Latina, operazione ”Caronte”: scarcerata Rosaria Ciarelli – 11 luglio 2013 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Latina, processo “Caronte”. Ascoltate altre due presunte vittime – 19 luglio 2013-)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Processo ”Caronte”, si allontana la sentenza – 12 dicembre 2013 -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social