Giornata Mondiale dell’Acqua, l’appuntamento del Club per l’Unesco di Latina

Giornata Mondiale dell’Acqua, l’appuntamento del Club per l’Unesco di Latina

Il Club per l’Unesco di Latina celebra la 29esima della Giornata Mondiale dell’Acqua, domani lunedì 22 marzo, con una video conferenza sulla pagina Facebook del Club di Latina. L’ incontro volto a sensibilizzare le giovani generazioni sull’importanza dell’acqua è stato realizzato presso la sede del Consorzio di Bonifica di Latina, luogo nevralgico per la tutela delle acque del nostro territorio. Ad aprire il meeting il presidente del Club per l’Unesco di Latina Mauro Macale  a seguire la responsabile per la Comunicazione e le Attività culturali del Consorzio di Bonifica dell’agro Pontino Barbara Mirarchi poi i due storici Vincenzo Scozzarella e Piergiulio Subiaco.

«Abbiamo voluto raccontare l’importanza dell’acqua nel nostro territorio partendo dalla storia – ha detto Mauro Macale  presidente del Club per l’Unesco di Latina – per farlo abbiamo voluto porre l’accento sul consorzio di bonifica che da sempre gioca un ruolo fondamentale per la nostra terra». Ha poi aggiunto Barbara Mirarchi «il consorzio di bonifica ha un ruolo strategico per la difesa del territorio, si occupa del dissesto idrogeologico ma anche di distribuzione delle risorse favorendo e sostenendo l’economia agricola, che da noi è molto importante». Al consorzio il compito di mantenere l’equilibrio idraulico ambientale. L’acqua che dal tempo dei tempi ha modellato in nostro territorio e ha contrastato per  molti secoli l’uomo che ha cercato di ridisegnare il paesaggio cercando di dominarla fin dal 1500.

«L’acqua è fonte di vita, nel Nostro territorio vi erano le Paludi Pontine ed il rapporto con la palude e gli uomini, che le vivevano o le attraversavano, è rimasto nella sua integrale bellezza, nei racconti di viaggio o nei dipinti – ha affermato lo storico dell’arte Vincenzo Scozzarella autore  di “Le Paludi Incise” – di quanto e come cambiasse, la struttura del territorio intorno alla palude,  se ne ha testimonianza grazie alle mappe di alcuni autori fiamminghi, che raccontano due grandi bonifiche, quella voluta da papa Sisto V alla fine del 1500 e quella di papa Pio VI dopo la metà del 1700».  Le mappe, salvate su delle storiche incisioni sono raccolte in uno straordinario volume dal titolo “Le Paludi Incise”.

«Alla fine del 1700, con i mezzi a disposizione dell’epoca, venne realizzato un tentativo di bonifica molto importante – ha proseguito lo storico del territorio Piergiulio Subiaco – i lavori voluti dal papa vennero realizzati in economia, utilizzando la forza lavoro dei galeotti e i condannati alle pontine, destinati cioè, alla manutenzione dei canali». Il racconto proseguirà con aneddoti, curiosità e gossip del diciottesimo secolo. L’evento è fruibile sulla pagina Facebook del Club di Latina a partire dalle ore 18.30 lunedì 22 marzo  in occasione della 29ᵃ edizione della Giornata Mondiale dell’Acqua. Vi aspettiamo.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]