Banche aperte, poi chiuse e adesso riaperte. L’interpretazione: “servizi essenziali”

Banche aperte, poi chiuse e adesso riaperte. L’interpretazione: “servizi essenziali”

Il decreto regionale della “zona rossa” chiude banche ma lascia aperti gli sportelli automatici. Alcuni istituti bancari venerdì, a seguito del decreto erano rimasti chiusi, altri avevano aperto a seguito dell’interpretazione sui “servizi essenziali”, poi le filiali sono state chiuse. Adesso, a seguito dell’ultima presa di posizione del Governo, di cui si attende il Decreto, il Comune di Fondi fa sapere che da lunedì i servizi bancari e postali tornano attivi, in quanto ritenuti “essenziali”.

Mentre per Fondi fortunatamente si vedono poche persone in giro e l’ultima “stretta” sembra abbia sortito gli effetti sperati sul piano della presenza di persone in giro, ancora qualche comunicazione di non facile interpretazione, che – stando all’ultima nota del Comune e conseguente interpretazione della Regione – dovrebbe essere quella definitiva: da lunedì 23 marzo i servizi bancari e postali saranno attivi.

“Alla luce delle disposizioni annunciate nella tarda serata di ieri, Sabato 21 Marzo, dal Presidente del Consiglio dei Ministri, il Vice Sindaco di Fondi Beniamino Maschietto rende noto alla cittadinanza che dalla giornata di domani, Lunedì 23, i servizi bancari e postali nella città di Fondi saranno attivi in quanto ritenuti essenziali. La misura è stata condivisa dall’Amministrazione comunale con il Vice Presidente della Regione Lazio Daniele Leodori, in quanto le recenti disposizioni chiariscono quelle previste dall’ordinanza regionale del 19 Marzo u.s. Gli orari di apertura di filiali e uffici e la tipologia delle operazioni saranno stabiliti autonomamente dai singoli istituti di credito e da Poste Italiane. Afferma il Vice Sindaco Maschietto: «Invito la cittadinanza ad avvalersi di questi servizi solo per motivi improrogabili, considerato che il prelievo di denaro contante continua ad essere assicurato attraverso gli sportelli Bancomat e Postamat. Inoltre, in previsione del pagamento degli stipendi e dei trattamenti pensionistici si raccomanda il più possibile di non recarsi presso gli sportelli nei primi giorni o negli orari di maggiore affluenza e pertanto di avvalersi del prelievo tramite Bancomat e Postamat». Tra l’altro, in una nota del 19 Marzo scorso l’INPS ha comunicato che nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno il pagamento presso gli sportelli postali dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili sarà anticipato rispetto alle normali scadenze e verrà distribuito su più giorni «allo scopo di consentire a tutti i titolari delle prestazioni di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19». Il pagamento sarà scaglionato a seconda della lettera con la quale inizia il cognome del pensionato e sarà così fissato per la mensilità di Aprile 2020: A-B Giovedì 26 Marzo; C-D Venerdì 27 Marzo; E-K Sabato 28 Marzo; L-O Lunedì 30 Marzo; P-R Martedì 31 Marzo; S-Z Mercoledì 1° Aprile.”

La nota del Comune di Fondi

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]