Dopo il matrimonio Tiziano Ferro si racconta al Corriere: “Miracoli? Il mio con lo sfondo del Circeo”

Dopo il matrimonio Tiziano Ferro si racconta al Corriere: “Miracoli? Il mio con lo sfondo del Circeo”

Nei giorni scorsi vi abbiamo dato notizia di una news di gossip, se non altro per la territorialità di uno dei protagonisti – Tiziano Ferro – e del suo matrimonio celebrato, seppur in forma privata a Sabaudia, a due passi da quel Circeo che come ha detto al Corriere, sente così suo.

Ma dopo le nozze del cantautore pontino ormai conosciuto in tutto il mondo, lo stesso Tiziano Ferro ha deciso di raccontarsi in una lettera al Corriere della Sera. Parole forti, che parlano di un periodo della propria vita, quando il giovane Ferro non si riconosceva o probabilmente non si capiva. “Mi ricordo quando – spiega al Corriere – appena ventenne, sfogliavo libri in cui si parlava di omosessualità. Avevo il terrore di ritrovarmi nelle storie raccontate esplicitamente, quando timoroso andavo a cercare quei volumi stipati in un settore piccolissimo nelle librerie del centro di Latina. Guarda caso il settore era sempre «Psicologia», guarda caso ero sempre l’unico”.

L’artista in quella lettera parla anche di altro, di fede, di vita e di quel luogo, dove ha celebrato il suo matrimonio con lo sfondo del Circeo, nella sua terra: “Ma io sono cattolico. Quindi, ho ancora fede. I miracoli? Io il mio lo immaginavo sullo sfondo del Monte Circeo, la mia terra, il mio mare. E poi l’amore, solo amore. Il mio è un Dio che ama, che custodisce, che non chiede pegno. È un Dio simpatico. Un miracolo è tutte le volte che una cosa riesce meglio di come te l’aspettavi”.

Esistono verità – affermiamo cercando di parafrasare una frase di Tiziano Ferro nella lettera al Corriere – “che non si possono tacere”. Pertanto, torniamo sulla notizia proprio per condannare gli attacchi social degli haters nei giorni scorsi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social