Dal Vaticano a Montecassino, ruba mezzo milione di euro dalla carità. Sequestro della Gdf all’ex Abate

Dal Vaticano a Montecassino, ruba mezzo milione di euro dalla carità. Sequestro della Gdf all’ex Abate

Dopo gli scandali, trapelati dalla Wikileaks vaticana, che hanno coinvolto alti prelati come il cardinal Bagnasco e le centinaia di migliaia di euro euro destinati alla carità, ma utilizzati invece per scopi privati, come l’abbellimento di un attico, sembra essersi aperta una breccia negli oscuri percorsi finanziari che i soldi fanno nelle mani degli organismi religiosi. Stamane è toccato all’Abbazia di Montecassino, o meglio ad uno dei suoi abati, anzi ex abati. Si tratta di Piero Vittorelli al quale la guardia di Finanza ha sequestrato circa mezzo milione di euro di beni, perchè ritenuti trafugati, con la collaborazione del fratello Massimo Vittorelli, dai conti dell’abbazia ciociara, e destinati alle opere caritatevoli.

Le fiamme oro hanno eseguito un’ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma Vilma Passamonti. In sostanza Vittorelli e il fratello, durante il mandato del prelato, grazie al quale aveva libero accesso alle finanze dell’abbazia, si sarebbero impossessati di questo denaro – mezzo milione di euro – fatto circolare di conto in conto, o riciclato, per tentare di farne perdere le tracce, grazie alla collaborazione del fratello a cui i conti erano intestati, per poi ritornare nella disponibilità dell’ex abate che ne disponeva così per fini privati. Si tratta di soldi che l’abbazia raccoglieva per utilizzarlo in opere caritatevoli come l’assistenza ai più poveri, ai più deboli, ai bambini. 

Ma perchè ex abate? Ce lo ricorda La Repubblica, con un articolo nel quale ricostruisce una breve biografia di Vittorelli, romano di 53 anni e laureato in Medicina, ha rinunciato alla sua attività di abate nel giugno del 2013 per motivi di salute. Vesti che aveva iniziato ad indossare nell’ottobre del 2007. Nel 2012 patì una grave crisi cardiaca a cui seguì una lunga degenza e una terapia riabilitativa. Nel 2003 è stato membro del comitato provinciale di bioetica dell’azienda sanitaria locale di Frosinone. Nel settembre scorso l’ex abate ha partecipato alla convention di Forza Italia a Fiuggi.

Comments are closed.

h24Social