Questione Terracina Sviluppo, la polizia denuncia gli ‘ex’ Stefano Nardi e Alfredo Lauretti

Questione Terracina Sviluppo, la polizia denuncia gli ‘ex’ Stefano Nardi e Alfredo Lauretti
*Stefano Nardi*

*Stefano Nardi*

A conclusione di specifica attività investigativa iniziata nel 2012, questo Commissariato P:S. ha proceduto a denunciare a piede libero per il reato di abuso d’ufficio Stefano Nardi , già sindaco di Terracina, e Lauretti Alfredo, già consigliere comunale per fatti accaduti quando i due, appunto, rivestivano dette cariche.

È stato infatti accertato, nel corso di detta indagine, che quando l’imprenditore terracinese rivestiva la già citata carica istituzionale all’interno dell’assise comunale, anche a mezzo di apposite ordinanze emanate dall’allora sindaco Stefano Nardi, la Terracina Sviluppo s.p.a., società riconducibile al Lauretti Alfredo, avrebbe goduto di una posizione di assoluto vantaggio economico, per la realizzazione di parte della rete fognaria di questo centro, le cui spese accessorie, peraltro, anziché esser pagate dalla ditta che aveva vinto l’appalto, venivano sostenute dal Comune.

alfredo-lauretti-terracinaPeraltro numerosissimi cittadini terracinesi si sono trovati nella condizione di non potersi rivolgere ad altre imprese edili diverse dalla quella univocamente prescelta dalla Terracina Sviluppo s.p.a. in condizione di subappalto e riconducibile alla medesima famiglia del’imprenditore, per la realizzazione del collegamento dalla propria abitazione alla rete fognaria con ovvia  alterazione del libero mercato; e ciò in quanto apposite statuizioni comunali ne impedivano la possibilità.

I due, al momento, sono stati quindi deferiti all’A.G. e ulteriori accertamenti saranno effettuati nei prossimi giorni per meglio quantificare il danno economico apportato alle casse comunali.

One Response to "Questione Terracina Sviluppo, la polizia denuncia gli ‘ex’ Stefano Nardi e Alfredo Lauretti"

  1. Angelo Novelli  18/04/2014 at 14:58

    Accertare responsabilità dirette sarà compito dell’ autorità giudiziaria, ma sarebbe stato preferibile che le forze dell’ ordine fossero intervenute già all’ epoca dei fatti contestati, ferma restando la lodevole iniziativa del locale Commissariato di P.S.. Del resto il livello di corruzione della P. A. nel Paese Italia è universalmente nota, quindi non è un caso ieri, così come non è un caso oggi, con l’ attuale amministrazione e gli stessi responsabili di settore, che venga autorizzata la produzione di prodotti caseari in pieno centro cittadino, con tutte le conseguenze da disastro ecologico, oltre che di rumori notturni molesti, atmosfera nauseabonda da quarto mondo. Dove? In Via Calabria, angolo Viale Europa. Non ci credete? Turatevi il naso se siete curiosi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social