Patto a Cisterna per una città più vivibile. Meno Co2 nell'aria

Patto a Cisterna per una città più vivibile. Meno Co2 nell'aria
*Gino Gagliardini e Marco Mazzoli*

*Gino Gagliardini e Marco Mazzoli*

Cisterna s’impegna ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Lo ha fatto nello scorso Consiglio comunale con l’adesione al “Patto dei Sindaci, un impegno per l’energia sostenibile”.

“Attraverso un Piano di Azione annuale – spiegano l’assessore alle Politiche Energetiche, Gino Gagliardini, e il delegato alle Energie rinnovabili, Marco Mazzoli – l’impegno è di raggiungere e superare l’obiettivo europeo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020. I comuni infatti svolgono un ruolo decisivo sull’ambiente, basti considerare che l’80% dei consumi energetici e delle emissioni di CO2 è determinato dalle attività urbane.

Ma sono anche il luogo dove, attraverso regolamenti edilizi per migliorare le prestazioni e stimolare la riqualificazione degli edifici, la realizzazione di opere pubbliche (come le piste ciclabili, i parcheggi fotovoltaici, le bici e auto elettriche previsti dal PLUS) è possibile avviare gli abitanti in un processo di cambiamento delle abitudini quotidiane in materia ambientale ed energetica al fine di migliorare la qualità della vita e del contesto urbano.

Alla Comunità Europea spetterà sostenere, anche con finanziamenti, le azioni previste dal Piano”.

0 Responses to "Patto a Cisterna per una città più vivibile. Meno Co2 nell'aria"

  1. Piero Iannelli  07/12/2013 at 21:21

    La lotta alla CO2 ?
    Ricordo che l’Europa ha approvato il pacchetto Kyoto in un momento in cui era il nostro Mario Monti commissario della Ue:protocollo di Kyoto che ha le sue fondamenta nel surriscaldamento del pianeta ad opera dell’attività antropica.

    http://www.tenews.it/giornale/2012/02/19/dalla-societa-elettrica-a-galsi-storia-e-illusioni-dell-energia-41564/

    SURRISCALDAMENTO?
    Le temperature medie globali sono INCHIODATE dal 1995. 🙂

    17 anni / 204 mesi che il riscaldamento globale se n’è andato sbattendo la
    porta

    http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/11/06/17-anni-204-mesi-che-il-riscaldamento-globale-se-ne-andato-sbattendo-la-porta-nostalgia-canaglia/

    /——–/

    Le falsità sul riscaldamento globale Forse non tutti sanno che…

    http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Le-falsita-sul-riscaldamento-globale/43202/

    /——-/

    Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…

    I dati di vitale importanza per sostenere il ‘grafico della mazza da hockey’ sono andati persi

    Non c’è stato alcun riscaldamento globale a partire dal 1995

    Periodi di riscaldamento globale sono già accaduti in passato – ma non a causa dell’uomo

    http://www.dailymail.co.uk/news/article-1250872/Climategate-U-turn-Astonishment-scientist-centre-global-warming-email-row-admits-data-organised.html?ITO=1490

    QUI in ITALIANO

    http://daltonsminima.wordpress.com/2010/02/24/il-dottor-phil-jones-ammette-nessun-riscaldamento-globale-dal-1995-mentre-stranamente-sono-spariti-i-dati-della-mazza-da-hockey/

    /-/

    Interessante notare come Lo stesso Philip Jones, del climategate di cui sopra, primo esponente del SURRISCALDAMENTO parlava di RAFFREDDAMENTO del pianeta. 🙂

    http://www.ilgiornale.it/news/buco-dell-ozono-balla-pi-grande-degli-anni-ottanta.html

    http://omnologos.com/ecco-come-ho-scoperto-il-rapporto-della-cia-del-1974-sul-raffreddamento-globale/

    Non di meno prima il Canada, l’Australia e recentemente il Giappone sono usciti da questa eco-truffa costruita su una bugia scientifica.

    Per questa eco-tarantellina solo l’Italia sta (spendendo) .. Secondo i dati dello stesso Gse, il totale degli incentivi riconosciuti agli impianti di tutta Italia, a settembre 2013, sfiorava quota——-> 15 miliardi.. per 20 anni.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/13/incassa-milioni-di-incentivi-e-chiude-il-pacco-fotovoltaico-delloligarca-russo/775264/

    /-/

    Un’operazione colossale avvenuta senza alcuna specifica delibera parlamentare ma solo per effetto di decreti ministeriali e gestita “fuori bilancio”in quanto i sussidi vengono addebitati alle bollette tramite la componente A3.

    http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=11b5d801c85c173f

    Un problema comunque europeo: Germania
    Diversi gruppi hanno annunciato il proprio disimpegno.
    A pesare è l’incremento delle sovvenzioni destinate alle rinnovabili

    http://energia24club.it/arti…/0,1254,51_ART_137400,00.html

    Forse e’ ii caso di riflettere, quando si parla di CO2 e di vivibilita’, considerando i risultati :
    Boom di nuovi poveri «spesa» tra cassonetti e scarti dei mercati

    http://www.codacons.it/articoli/boom_di_nuovi_poveri_spesa_tra_cassonetti_e_scarti_dei_mercati_260276.html

    DUNQUE?
    La lotta alla CO2 condotta unilateralmente dalla UE, non fa
    che porre fuori mercato le nostre aziende, per i costi energetici
    indotti e dalle varie tasse verdi, costringendole a chiudere o
    delocalizzare, con capitali e competenze, in paesi liberi da questo delirio.

    L’alternativa e’ chiudere e soccombere, dopo una lenta agonia.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social