PONZA REPLICA AL SENATORE RANUCCI: “E’ DISINFORMATO”

Il sindaco Pompeo Rosario Porzio

“E’ veramente stupefacente verificare – con ormai noiosa ripetività – come ogni volta che sulla stampa appare la parola “pontili” associata a Ponza scattano una serie di riflessi condizionati da parte di personaggi politici che non hanno mai mosso un dito per dare una mano alla comunità isolana”. A parlare con un comunicato congiunto il sindaco di Ponza Pompeo Rosario Porzio e l’assessore al demanio Franco Schiano che in nemmeno ventiquattro ore così replicano all’nterrogazione ai ministri Maroni e Prestigiacomomo del senatore del partito democratico Raffaele Ranucci in merito a presunti approdi che l’amministrazione isolana starebbe predisponendo sulle isole di Zannone e Palmarola.

“Francamente preferiremmo che questi signori che scomodano il Governo inseguendo fanfaluche e notizie di stampa su presunte infiltrazioni delle mafie nel tessuto economico delle isole Pontine – aggiungono i due ammistratori isolani – lo facessero anche per cercare una soluzione ai tanti problemi (trasporti, sanità, scuola, fragilità delle coste, ecc.) che attanagliano le comunità delle isole Laziali”.

L'assessore al demanio Franco Schiano

“I primi ad auspicare un attento controllo delle autorità preposte, sono proprio gli abitanti di Ponza con l’amministrazione Comunale in testa”, chiariscono e aggiungono, “Occorre precisare, ancora una volta, che i pontili previsti dal PUA a Zannone e Palmarola, serviranno esclusivamente a favorire lo sbarco dei visitatori, saranno galleggianti, stagionali e di dimensioni ridottissime (max 5-6 metri). Difficile che le mafie possano interessarsi a cosette simili. Inoltre, questi limitatissimi interventi (che comunque dovranno superare tutta una serie di vagli di compatibilità ambientale, tra cui la VAS) vanno proprio nella direzione di una corretta fruizione di quelle due perle rare che sono Palmarola e Zannone, la cui conservazione sta certamente più a cuore ai ponzesi che a chiunque altro”.

E ancora: “Ad ogni buon conto è illuminante e probabilmente derimente riportare un passaggio del protocollo d’intesa tra L’Ente Parco del Circeo e il Comune di Ponza: “…Al fine di garantire una corretta fruizione sono intercorsi incontri tra l’Ente Parco ed il Comune di Ponza, nei quali si è concordato che è necessario a tal fine dotare l’isola di Zannone di alcune piccole strutture – pontile galleggiante stagionale per l’approdo, campo boe, strutture per la visita – utilizzando esclusivamente gli immobili esistenti e senza in alcun modo alterare lo stato dei luoghi…”

Palmarola

“Forte di questo viatico, il PUA recentemente adottato dal Consiglio Comunale di Ponza, ha inteso replicare a Palmarola – la nostra perla più preziosa – lo stesso modello di Zannone. Ossia : piccolo pontile per facilitare lo sbarco e campi boe (di limitate proporzioni) per preservare la poseidonia e i fondali dall’effetto trascinamento delle ancore.
Pensiamo di aver fatto tutti i passi nella direzione giusta. Chiunque potrà verificare e controllare. Respingiamo con forza – concludono – ogni forma di strumentalizzazione di quella che riteniamo una pianificazione seria e rivolta alla tutela sostenibile e consapevole della risorsa ambiente”.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Ormeggi a Zannone e Palmarola, il senatore Ranucci interroga i ministri Maroni e Prestigiacomo – 17 giugno -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social