***videonotizia***ARRESTATI I DUE RAPINATORI CHE ASSALTARONO LA BANCA POPOLARE DI FONDI

httpv://www.youtube.com/watch?v=1nC-Dmfs_xc

bpfA seguito di intensa attività di polizia giudiziaria da parte del Commissariato di Fondi,  coordinata dalla Procura della Repubblica di Latina,  sono state emesse, a firma del sostituto Procuratore dottoressa E. Tortora,  2 ordinanze a carico delle persone che il 2 gennaio 2008 hanno rapinato la Banca Popolare di Fondi  Agenzia di San Magno, le persone attualmente fermate sono Mario ZILLI   del 1958, nullafacente pregiudicato, residente in provincia  di Roma, attualmente detenuto presso la Casa Circondariale de L’Aquila e Domenico SEVERA del 1956, nullafacente pregiudicato, residente in  provincia di Roma.
I due, destinatari di ordinanza cautelare di custodia cautelare in carcere, sono stati individuati grazie all’attività di  comparazione e riscontro antropometrico svolta dal competente Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica di Roma che, conclusosi positivamente, ha consentito l’emissione delle misure richieste nel mese di giugno 2009 alla competente Autorità Giusiziaria di Latina.
Precisamente, dalle dichiarazioni dei testi e dalla visione delle immagini riprese dal sistema di video sorveglianza è emersa una chiara e dettagliata descrizione dei due uomini che entrarono nella Banca.

Massimo MAZIO vice questore commissariato di Fondi

Massimo MAZIO vice questore commissariato di Fondi

Infatti, dalla visione delle immagini riprese sia all’esterno che all’interno della Banca, sono state esaminate ed acquisite le fasi salienti dell’episodio,  estrapolando i fotogrammi dei soggetti interessati e sottoponendoli alla visione dei colleghi delle altre Questure sul territorio nazionale.
Così, a seguito di lunga e laboriosa fase d’indagine svolta dal personale della polizia giudiziaria coordinato dal sostituto Commissario Pellegrino F. e dallo screening investigativo effettuato, contattati da personale della Questura di Teramo, si poteva acclarare che i fotogrammi inseriti dalla polizia giudiziaria di Fondi, presentavano similarità nel modus operandi di alcuni pregiudicati attenzionati da quegli uffici per reati specifici ed aventi le stesse caratteristiche somatiche, fisiche e modo di vestire, fatti emersi nel corso di altre rapine consumate.
Infatti, due degli autori della rapina di Fondi, presentavano una forte somiglianza con gli autori della rapina consumata ai danni dell’Istituto di Credito “Carisap” di Villa Rosa di Martinsicuro(TE) avvenuta il 14 novembre 07 e per la quale gli organi investigativi competenti per territorio stanno ancora procedendo.
Tutto ciò ha permesso l’individuazione di parte del gruppo criminale autore della rapina de qua risultato composto dai due uomini  e da altri componenti sul conto dei quali, al momento, sono ancora in corso indagini volte alla

Mario ZILLI

Mario ZILLI

Domenico SEVERA

Domenico SEVERA

completa identificazione.
Va ricordato, che tutti i testi verbalizzati concordarono sulla cadenza dialettale dei soggetti definendola laziale e/o ciociara.
I due rapinatori che, all’epoca dell’episodio delittuoso, si introdussero all’interno della filiale della B.P.F., si facevano consegnare sotto la minaccia di un taglierino e di uno storditore elettrico, la somma di 55.000 euro tra assegni e contanti.
Poco dopo la rapina fu anche ritrovata l’autovettura utilizzata per la fuga, una Ford Fiesta di colore grigio, risultata rubata in Aprilia il 4.12.07.Inoltre personale dipendente, a causa dell’esplosione delle mazzette civetta, rinvenne tutti gli assegni asportati e macchiati di rosso che furono restituiti al direttore.
Si tratta pertanto, di personaggi pericolosi, che non disdegnano l’uso delle armi e privi di ogni scrupolo morale che traggono sostentamento dalle attività illecite.
Entrambi colpiti da provvedimento, tratti in arresto, il primo già ristretto presso l’istituto penitenziario de l’Aquila dove gli è stata comminata la notifica dell’ordinanza, il secondo, condotto dopo le formalità di rito, presso la casa circondariale Regina Coeli di Roma.

Comments are closed.