L’associazione Bachelet chiama in causa i sindaci: “Illuminate di verde i monumenti”

L'iniziativa denominata "Lanterne Verdi" pone l'attenzione sul tema dei migranti al confine tra Bielorussia e Polonia

L’associazione diocesana di Gaeta in onore di Vittorio Bachelet che si occupa di temi sociali e riguardanti la polis ha ripreso un’iniziativa targata il quotidiano Avvenire e con una lettere resa pubblica attraverso i social network ha deciso di chiamare in causa i sindaci del territorio. L’obiettivo? Sensibilizzare sulla situazione dei migranti al confine tra la Bielorussia e la Polonia. Per questo è stato chiesto ai primi cittadini di illuminare un monumento della propria città di colore verde.
Di seguito il testo della lettera.
“Egregio Sig. Sindaco,
la crisi umanitaria che in queste settimane si sta drammaticamente consumando al confine tra Polonia e Bielorussia mette a dura prova le nostre coscienze e sfida le istituzioni a tutti i livelli. Le immagini e le testimonianze di centinaia di profughi che, in fuga da situazioni di vita difficili e spinti dall’inappropriata e discutibile manovra politica del presidente bielorusso Lukaschenko, bussano alle porte dell’Europa, trovandole sbarrate, fanno male ai nostri cuori e sfidano le certezze delle nostre società.
Sono già numerose le vittime tra i rifugiati, tra cui bambini, che per cercare vie di fuga spesso si inoltrano nei boschi di confine tra i due Stati, trovando la morte per il freddo e gli stenti. Eppure, nonostante tutto, un segnale di speranza nel buio di questa vicenda si è acceso: diversi cittadini polacchi, che vivono vicini al confine bielorusso, hanno iniziato ad accendere fuori le loro abitazioni una luce verde, simbolo universale della possibilità di “procedere avanti”, per indicare a chi riesce a sfuggire ai controlli di confidare in un riparo per una notte (legale anche secondo la legge polacca).
Il quotidiano Avvenire ha fatto partire una campagna di sensibilizzazione che si chiama Lanterne Verdi, per richiamarsi al forte gesto di vicinanza che interroga anche chi, come noi italiani, è geograficamente lontano dai luoghi in cui i fatti si stanno svolgendo. Lo scopo è quello di avviare simbolicamente anche nel nostro Paese l’accensione di luci verdi in luoghi e contesti simbolo della nostra cultura di accoglienza e solidarietà.
𝐏𝐞𝐫 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐚 𝐫𝐚𝐠𝐢𝐨𝐧𝐞, 𝐋𝐞 𝐜𝐡𝐢𝐞𝐝𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐝𝐢 𝐚𝐝𝐞𝐫𝐢𝐫𝐞 𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐚𝐦𝐩𝐚𝐠𝐧𝐚 𝐋𝐚𝐧𝐭𝐞𝐫𝐧𝐞 𝐕𝐞𝐫𝐝𝐢, 𝐢𝐥𝐥𝐮𝐦𝐢𝐧𝐚𝐧𝐝𝐨 𝐜𝐨𝐧 𝐮𝐧𝐚 𝐥𝐮𝐜𝐞 𝐯𝐞𝐫𝐝𝐞 𝐮𝐧 𝐦𝐨𝐧𝐮𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨, 𝐮𝐧 𝐞𝐝𝐢𝐟𝐢𝐜𝐢𝐨 𝐨 𝐮𝐧 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐢𝐜𝐨𝐥𝐚𝐫𝐞 𝐬𝐢𝐠𝐧𝐢𝐟𝐢𝐜𝐚𝐭𝐨 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐜𝐢𝐭𝐭𝐚̀ 𝐝𝐚 𝐋𝐞𝐢 𝐚𝐦𝐦𝐢𝐧𝐢𝐬𝐭𝐫𝐚𝐭𝐚. 𝐕𝐨𝐫𝐫𝐞𝐦𝐦𝐨 𝐚𝐧𝐜𝐡𝐞 𝐬𝐮𝐠𝐠𝐞𝐫𝐢𝐫𝐞 𝐝𝐢 𝐚𝐜𝐜𝐨𝐦𝐩𝐚𝐠𝐧𝐚𝐫𝐞 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐠𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐬𝐢𝐦𝐛𝐨𝐥𝐢𝐜𝐨 𝐜𝐨𝐧 𝐮𝐧’𝐢𝐧𝐢𝐳𝐢𝐚𝐭𝐢𝐯𝐚 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐫𝐞𝐭𝐚 𝐝𝐢 𝐬𝐨𝐥𝐢𝐝𝐚𝐫𝐢𝐞𝐭𝐚̀, 𝐢𝐧𝐭𝐫𝐚𝐩𝐫𝐞𝐬𝐚 𝐦𝐚𝐠𝐚𝐫𝐢 𝐜𝐨𝐧 𝐮𝐧𝐚𝐧𝐢𝐦𝐞 𝐝𝐞𝐜𝐢𝐬𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐢 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐨 𝐢𝐥 𝐜𝐨𝐧𝐬𝐢𝐠𝐥𝐢𝐨 𝐜𝐨𝐦𝐮𝐧𝐚𝐥𝐞. Saremo ben lieti di darne notizia attraverso i nostri canali di comunicazione.
Ringraziando per l’attenzione, confidiamo che questa richiesta non passi inosservata e sappia risvegliare in tutti i cittadini, primi fra tutti coloro che svolgono il servizio di amministrare le proprie comunità, i valori fondanti di umanità su cui il nostro Paese e l’Europa intera affondano le proprie radici.”