Cisterna, l’affondo del Pd: “La maggioranza non c’è più”

Cisterna, l’affondo del Pd: “La maggioranza non c’è più”

“Nell’ultimo consiglio comunale – spiega in una nota Andrea Santilli del Partito Democratico – ho evidenziato al sindaco che questa maggioranza fa un continuo esercizio di potere, prepotente, in tutti i luoghi e contesti in cui ci dovrebbe essere un confronto politico fra le parti, come nelle commissioni e nelle conferenze dei capigruppo. Atteggiamento questo che ricade poi sul modo di affrontare un consiglio e che rende vano ogni tentativo di proposta da parte dell’opposizione.

Nel caso specifico in questa ultima convocazione, che aveva scadenza obbligata 30 settembre per l’approvazione del bilancio consolidato 2018, è stata inserita un’ integrazione ai punti all’ordine del giorno, di sabato sera (un giorno prima del consiglio) non permettendo all’opposizione di avere il tempo giusto per studiare le carte.

Non parliamo di un punto qualsiasi, ma della riconversione del sito Industriale delle manifatture del Circeo, oggetto di diverse contestazioni già in commissione urbanistica da parte della minoranza.

Probabilmente questa forzatura voluta da qualcuno non è stata ben digerita da tutta la maggioranza, al punto che 2 consiglieri si sono assentati e 3 si sono astenuti, tutti della Lega, dimostrando non solo di non avere la stessa visione economica del sindaco, ma anche e soprattutto che alcune frizioni che avevano portato all’azzeramento della Giunta poco tempo fa, sono tutt’altro che risolte, come invece vuole farci credere Carturan.
Non parliamo, poi, dell’approvazione di un bilancio consolidato, sempre con l’assenza della documentazione per valutarlo. Ma a questo l’Assessore Di Candilo ci ha abituato da tempo.

Questo continuo gioco delle parti, lascia la città immobile. Continuare a sventolare la bandiera dello sport per aver aperto il Palazzetto e lo stadio Bartolani, senza che entrambe le strutture abbiano ancora l’agibilità, conta sempre di meno. Lavori a metà, perché per giocare servono continue ordinanze e prese di responsabilità, ma è ben poco per un anno e mezzo di Amministrazione.

Per quanto ci riguarda ci siamo fatti portavoce di alcune interrogazioni, una sollecitata dal Comitato Azione Civile Città Aperta 2, un gruppo di giovani molto attenti alla questione Plastic Free, con cui abbiamo condiviso l’idea di proporre alla amministrazione di fornire a tutti i bambini delle scuole delle borracce di alluminio e portare nelle scuole dei dispenser di acqua per eliminare il più possibile la plastica.

Abbiamo poi sollevato attenzione riguardo al muro di cinta della scuola Marcucci, che sta praticamente venendo giù, situazione che ci è stata segnalata dal Comitato genitori della scuola, sempre molto attenti e presenti.

Un rammarico però c’è, quello di non essere riusciti a fermare l’approvazione del punto sulle Manifatture del Circeo, che è passato con 10 voti favorevoli, 3 astenuti e 6 contrari, ma tra i banchi della minoranza erano assenti 3 consiglieri, tutti del gruppo Del Prete, assenze purtroppo sempre più costanti: chissà se il motivo è legato alla perdita di leadership dello stesso ex candidato o se c’è stato una sorta di “rompete le righe”.

Di fatto ci chiediamo – conclude Santilli del Pd – che sarebbe accaduto se i voti contrari fossero stati 9, ma purtroppo non potremo mai saperlo.”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]