Il Web-Gis dei Monti Lepini, un progetto ambizioso

Il Web-Gis dei Monti Lepini, un progetto ambizioso

Uno strumento per la conoscenza e coscienza dei luoghi. E’ questo il principio che ha spinto la Compagnia dei Lepini a lavorare, di concerto con il professor Alberto Budoni alla realizzazione del Web-Gis dei Monti Lepini, il sistema informativo geografico che si estende al web per gestire la cartografia numerica e, al tempo stesso, permettere comunicazione e condivisione delle informazioni con altri utenti. Il progetto, che presto sarà concluso, è stato recentemente presentato nel corso della convegno sulla Biodiversità che si è svolto a Cori. Ad introdurre l’argomento proprio Alberto Budoni, che nella sua relazione ha spiegato quali siano le finalità del progetto, dall’obiettivo minimo del sistema, cioè sistematizzare il patrimonio di dati, passando per l’impostazione del sistema stesso tramite strumenti di open data, open access e open content che permettono di utilizzare tutti i contenuti all’interno del sistema, fino alla possibilità di riversare nel web i dati che sono normalmente tenuti all’interno di un calcolatore, dati che fanno riferimento ad un territorio comprendente 18 Comuni. Un sito che, naturalmente, potrà essere complementare ad altri siti istituzionali, alimentandosi dell’informazione già presente e generandone anche nuova: “Sono state attivate tre fasi – ha spiegato Budoni – e in questo momento il sistema si trova al termine della seconda. Inizierà ora la fase di rodaggio, ossia verranno apportate migliorie ed eventuali correzioni. Infine c’è una terza fase che riguarda la possibilità di associare a questo sistema degli strumenti di valutazione, un punto molto importate ma allo stesso tempo problematico, difficile da condividere. L’idea è quello di farlo diventare una realtà, come avviene già in altre nazioni. Questo consentirà di fare un salto della discussione, senza togliere nulla al conflitto. Il problema è far entrare questo conflitto all’interno di una discussione effettivamente utile”. Il sistema si compone di un’interfaccia molto amichevole, suddivisa in 4 blocchi, ognuno con una sua funzionalità. Il primo consente di avere dei percorsi rapidi della cartografia, con immagini di percorsi e sentieri forniti dal CAI con l’aggiunta di ulteriori sentieri che consentono di raggiungerli partendo dai centri urbani. Il secondo riguarda le tipologie di utenti (turista, cittadino e tecnico) e raccoglie le cartografie e i dati più importanti rispetto a quella che può essere la domanda del diverso utente. Il terzo blocco contiene l’insieme di tutto il materiale cartografico consultabile, mentre il quarto riguarda la partecipazione attiva, con due forum separati, uno che permette di segnalare errori, fare precisazioni e fornire contributi, l’altro, chiamato “sagre ed eventi”, centrato in particolare su eventi non religiosi, quindi attività culturali su cui discutere e lanciare un dibattito.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social