ROCCAGORGA, OPERAZIONE CARPE DIEM A SALERNO. PENA DIMEZZATA PER UN ARTIGIANO

ROCCAGORGA, OPERAZIONE CARPE DIEM A SALERNO. PENA DIMEZZATA PER UN ARTIGIANO
*Il Tribunale di Salerno*

*Il Tribunale di Salerno*

Ridotta la condanna a Stefano Bernardi, artigiano di Roccagorga, che nel febbraio 2011 era finito in manette con l’accusa di spaccio di droga in affari con la camorra, nell’ambito dell’inchiesta campana “Carpe Diem”, incentrata sul clan salernitano degli Alfano.

L’imputato, lo scorso anno, era stato condannato a otto anni di reclusione. Difeso dall’avvocato Giancarlo Vitelli, Bernardi ha fatto appello e la Corte d’Appello di Salerno ha riformato la sentenza, condannando il pontino a quattro anni, la metà esatta. Secondo gli inquirenti, l’artigiano avrebbe ceduto agli Alfano una partita di marijuana.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social