DAMASCO 2, IN AULA GLI IMPRENDITORI DEL MOF

“Al Mof non c’era alcun condizionamento criminale”. E’ quanto ha riferito in aula nell’ultima udienza del processo Damasco II, di fronte al Tribunale collegiale di Latina, l’ex presidente del mercato Gemmino Lippa chiamato in aula come teste a discarico di Franco Peppe. In aula con lui sono stati ascoltati anche altri imprenditori: Franco Carnevale (“Venanzio Tripodo era regolarmente assunto presso la ditta di Peppe), Mariano Di Vito, i fratelli Basso. Ma non solo: anche l’ex vicesindaco Francesco Paolo Di Biasio e il consulente finanziario Sergio Luciani. Tutti hanno escluso nel modo più assoluto la provenienza illecita dei capitali di Peppe.  La sentenza è prevista prima dell’inizio dell’estate. Prossima udienza fissata per i primi di maggio.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Regione Lazio parte civile in Damasco 2 – 19 ottobre 2010 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (disposta l’unificazione di “Damasco 2″ e “Nitra” – 5 novembre 2010 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (In aula l’amministratore delegato del Mof di Fondi – 13 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Sentiti altri sette test a discarico – 18 aprile -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social