Volantini digitali: la strategia green contro lo spreco di carta

Volantini digitali: la strategia green contro lo spreco di carta

Si sente sempre più spesso parlare di Green Economy, o più semplicemente di “economia verde” per chi non ama gli anglismi: si tratta di una serie di misure che partono dal settore pubblico e mirano a coinvolgere l’intera società, fino ad arrivare al cittadino privato, con lo scopo di sensibilizzare ad un approccio eco-sostenibile verso le risorse ambientali e umane.

Questo si concretizza in un piano di sviluppo economico con incentivi e finanziamenti pubblici che mirano a limitare l’emissione di anidride carbonica nell’aria, abbattendo i consumi e gli sprechi, grazie all’utilizzo di risorse alternative ed ecologiche.

Le strategie economiche di iniziativa pubblica sono regolamentate dalle Amministrazioni Comunali e Regionali, a seconda delle risorse di uno specifico territorio. L’impatto è sulle spese del cittadino, quindi è fondamentale sensibilizzare il privato verso questo approccio ecologico che parte dalle azioni quotidiane, ad esempio non sprecare l’acqua e la luce delle proprie abitazioni, o prestare attenzione alla raccolta differenziata dei rifiuti e allo smaltimento di quelli pericolosi.

Un piano comune e collettivo che incide sull’andamento economico del Paese

Una rivalutazione del territorio e delle proprie risorse umane ed ambientali efficace dovrà incidere positivamente sul PIL: un atteggiamento sostenibile è benefico verso l’economia, poiché l’impoverimento delle risorse naturali conduce inevitabilmente ad un aumento dei prezzi della materia prima.

La challenge è quella di puntare sull’ambiente e sul riciclo creando nuovi posti di lavoro, ad esempio in professionalità specializzate nelle risorse energetiche (pannelli fotovoltaici e energia eolica) e in manodopera coinvolta nello smaltimento dei rifiuti speciali, e così via.

Per raggiungere questo quadro di progresso è fondamentale quella consapevolezza collaborativa, in gergo green responsibility, quella coscienza civile che deve interessare e coinvolgere tutti in prima persona.

Cosa possiamo fare nel nostro piccolo?

Sono tante le strategie ecologiche che si possono attivare anche nel lifestyle domestico e quotidiano: ad esempio, i negozi al dettaglio e la GDO (Grande Distribuzione Organizzata) ha escogitato la strategia efficace dei volantini digitali che si possono facilmente consultare in internet.

Quando andiamo al supermercato, spesso raccogliamo in cassa i volantini informativi dei prodotti in sconto e in promozione in un determinato periodo dell’anno, ad esempio nella settimana di Ferragosto o a Natale. Di solito si tratta di articoli stagionali, di uso comune, relativi ad una festività, oppure di merce in eccedenza. I volantini vengono spesso recapitati direttamente a casa, nella buca della posta, dai corrieri che collaborano col distributore. Si tratta comunque di un utilizzo considerevole di carta (che spesso diventa carta straccia che finisce per rimpinguare i bidoni della spazzatura) e di una notevole quantità di spreco che talvolta non viene smaltito come dovrebbe. L’idea dei volantini digitali è davvero pratica e utile, per una serie di motivi a cui forse non facciamo caso.

Meno carta e più idee per un risparmio very smart

I depliant su internet hanno la medesima veste grafica colorata e appetibile di quelli cartacei, dalla resa estetica molto invitante: elencano nei dettagli tutti gli articoli scontati con immagini vivide e i prezzi ben visibili, in modo da stimolare il cliente all’acquisto (non a caso sono progettati da esperti di pubblicità e marketing qualificati).

L’anteprima del volantino Eurospin è solo un esempio delle numerose possibilità di consultazione che alcune piattaforme web offrono agli utenti, molto spesso con la possibilità di consultare volantini anche dei rivenditori di elettronica.

La differenza è che sono fruibili tramite internet, si possono sfogliare come un vero depliant con un semplice click e sono comodamente accessibili alla totalità del pubblico, dato che ormai i dispositivi digitali (pc, tablet e smartphone) sono di appannaggio comune.

In questo modo il cliente si fa già un’idea di quello che deve comprare, senza perdere tempo e vagare per i vari reparti in cerca dell’offerta, con il risultato di limitare il rischio di assembramento e di traffico per le strade. Viene così abbattuta una notevole percentuale di CO2 e di combustibile delle auto, con un piccolo gesto; inoltre, si evita di riempire il supermercato con il solito tran tran dispersivo e consumistico.

Il concept di spesa intelligente e consapevole è sempre più tangibile anche nel limitare lo spreco di carta: evitando di stampare i depliant cartacei e indirizzando i clienti alla fruizione digitale si abbatte di molto l’inquinamento delle nostre città, dei nostri mari e, purtroppo anche dei nostri marciapiedi che subiscono il continuo accumulo sul ciglio della strada.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social