Ventilatori assiali: cosa sono e a cosa servono

Ventilatori assiali: cosa sono e a cosa servono

Nel settore dei ventilatori e, più in generale, della movimentazione aria, nel corso degli ultimi decenni si è andata affermando la soluzione rappresentata dai ventilatori assiali. Sotto tale denominazione sono comprese le ventole caratterizzate da pale cui spetta il compito di spingere l’aria in senso parallelo rispetto all’albero motore e in direzione lineare lungo l’asse della ventola.
A seconda del tipo di pala (destra o sinistra) e della direzione di rotazione della ventola (oraria o anti-oraria), il getto d’aria erogato dalla ventola può a sua volta essere soffiante oppure aspirante.

Dove vengono impiegati i ventilatori assiali

Ad oggi i ventilatori assiali riescono a raggiungere livelli molto elevati di versatilità e flessibilità, tali da consigliarne l’impiego in una gamma di applicazioni che implicano la movimentazione dell’aria o lo scambio di calore, anche in quelle tali da richiedere elevata resistenza ad alte velocità di rotazione.
Per produrre pale in grado di lavorare in condizioni che possono infine comportare una notevole usura, vengono impiegate plastiche a fibra di vetro, alluminio e materiali speciali anti-statici.
Tra queste applicazioni vanno ricordati i compressori, i radiatori e gli scambiatori di calore, i ventilatori industriali e quelli usati negli allevamenti intensivi, gli essiccatoi, gli atomizzatori agricoli, i cannoni usati per innevare le piste da sci, gli hovercraft e altro.

Le caratteristiche da prendere in considerazione in fase di scelta

Per riuscire a scegliere il ventilatore assiale in grado di rivelarsi effettivamente adatto alle proprie esigenze, occorre prendere in considerazione una serie di dati, tra i quali:

– il flusso, espresso in metri cubi all’ora;
– la pressione statica;
– la potenza del motore (kW) e i giri al minuto (rpm);
– le temperature di esercizio, espresse in gradi centigradi;
– la rumorosità.

La necessità di rispondere alle normative europee

C’è poi una ulteriore caratteristica che deve essere necessariamente presa in considerazione ove si intenda acquistare un prodotto di questo genere. Si tratta dei livelli di consumo energetico, un dato che è ormai ritenuto fondamentale, soprattutto nel nostro continente, ove gli standard produttivi sono più rigidi che in altre aree del globo.
In sostanza se si vuole optare per un ventilatore assiale a norma occorre rispondere ai criteri indicati dalle normative che l’UE dedica periodicamente alle politiche di efficienza energetica. In questo caso la normativa di riferimento è rappresentata dalla Direttiva Europea “Energy Related Products” (ErP) per i ventilatori, che obbliga i costruttori di prodotti che incorporano una ventola assiale a dare vita ad una combinazione tra questa ed il motore in grado di soddisfare i limiti da essa indicati.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social