Vademecum di un buon investimento

Vademecum di un buon investimento

La migliore strategia per investire contenendo costi e rischi è consolidare un portafoglio diversificato. Infatti, investire in un solo titolo, area geografica o asset significa legare il proprio investimento alle fluttuazioni del mercato, precludendo la possibilità di controbilanciare eventuali perdite. Diversificare rende possibile cogliere molteplici opportunità.

Ogni investimento comporta costi di diversa natura, come ad esempio i costi gestionali: l’idea è quella di minimizzare questi costi affidandosi a piattaforme lontane dalle realtà più tradizionali che sostengono costi strutturali elevati, come ad esempio il personale, o che sono più arretrate perché non dispongono di un sistema informativo innovativo.

Premesso che non esiste un investimento senza rischi e perdite, è necessario cercare di investire in modo ragionevole e profittevole. Spesso gli investitori ignorano dinamiche presenti sul mercato, per cui si consiglia di affidarsi a esperti del settore che abbiano una situazione chiara e razionale di ciò che accade giorno dopo giorno. Il ruolo del consulente non si limita infatti alla conoscenza dei diversi strumenti finanziari ma deve supportare e guidare l’investitore che istintivamente potrebbe agire di impulso e correre in rischi piuttosto alti.

È possibile individuare alcune regole per evitare di investire in modo errato. Innanzitutto, è necessario che l’investimento sia cucito su misura per ogni soggetto, rispettando qualsiasi forma di esigenza. Ogni investitore si distingue per la propensione al rischio o per la propria istintività; ancora si distinguono i diversi attori per il grado di “overconfidence” (propensione a fare troppo affidamento alle proprie conoscenze) o per la sindrome di “country bias” (propensione ad investire in altri paesi). È importante quindi presentare la propria profilazione, attraverso dei questionari ad esempio, per iniziare il proprio percorso nel mondo finanziario ed evitare passi falsi. Una volta stabilita la necessità di affidarsi ad un consulente, è necessario ricordare la differenza che intercorre tra consulenza finanziaria indipendente e consulenza tradizionale. Il consulente indipendente è realmente libero di consigliare ciò che meglio si adegua all’esigenza del soggetto, mentre quello tradizionale potrebbe essere spinto a consigliare il prodotto sul quale riceve la commissione più alta ma che magari non si adatta all’ esigenze dell’ investitore in analisi.

Una volta emerso il profilo dell’investitore si può scegliere se investire il proprio capitale in un’unica soluzione o in versamenti periodici. Entrambe le soluzioni sono valide ma chiaramente la seconda permette di esporsi meno alla volatilità dei mercati e ai rischi che ne conseguono. In particolare, con il Piano di Accumulo si può investire una quota mensilmente riparandosi da eventuali fluttuazioni negative. La caratteristica principale di questo strumento è la flessibilità: è sempre un buon giorno per investire con un piano di investimento adeguato ai tempi e alla vulnerabilità degli eventi e delle borse.

Investire 20.000 euro è un ottimo modo per avvicinarsi al mondo degli investimenti finanziari per dare forma a un piano di risparmio di medio-lungo termine. Oggi tutti possono accrescere le proprie risorse senza sobbarcarsi spese e rischi eccessivi grazie all’innovazione tecnologica dei robo advisor e la conseguente possibilità per la massa di accedere a diversi servizi (ne ha parlato Giovanni Daprà, fondatore Moneyfarm, in una intervista rilasciata ad Ansa), a differenza del passato in cui investire era una prerogativa destinata a pochi.

Se prima infatti per investire 20.000 euro si era costretti a recarsi fisicamente in banca e a perdere parte del patrimonio per spese e costi vari, oggi è possibile farlo direttamente da casa, risparmiando sui costi (con Moneyfarm ad esempio, la spesa sarebbe 140 euro all’anno ovvero circa 11 euro al mese su 20.000 euro) e scegliendo l’investimento più adatto al proprio profilo. È possibile investire 20.000 euro in modo efficiente? Sì, partendo da se stessi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social