Sensuale ma non volgare è la donna presentata a Parigi per la primavera – estate

Sensuale ma non volgare è la donna presentata a Parigi per la primavera – estate

Riflettori puntanti su Parigi che ha dato il via alla Fashion Week domenica scorsa e che proseguirà fino a giovedì. Ad inaugurare l’evento più atteso nell’haute couture internazionale volto a presentare le collezioni primavera – estate 2015, è stato l’Atelier Versace con le sue “trasparenze strategiche”. Tonalità decise come il rosso, il blu elettrico e il bianco compongono strutture e lunghezze che esaltano il corpo femminile. Tute dai pantaloni fluttuanti si alternano a gonne a ruota o abiti da sera scivolati dagli scolli geometrici e dalle silhouette impreziosite da cristalli.

Versace1Versace2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aria magica per lo scenario ideato dal fotografo e regista Jean Paul Goude per la sfilata di Schiapparelli. Una collezione dal linguaggio nuovo e fresco come lo dimostrano i colori proposti: il verde smeraldo, il corallo e il rosa Shocking si mostrano in tutta la loro prorompenza. I tessuti sono impreziositi da stampe con cuori, mani stilizzate, stelle, lucchetti ed esprimono tutta la creatività del nuovo team Schiapparelli. Le forme sono aderenti e scolpiscono il corpo, delineando la sua sinuosità ad ogni passo.

Schiapparelli1Schiapparelli2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ una donna dall’incontenibile femminilità ma anche romantica, curiosa e rivoluzionaria. E’ da questa ispirazione che parte dagli Anni ’50 e termina con i ’70 che Raf Simons, direttore creativo di Christian Dior, ha declinato un mix di look legati a doppio filo col passato ma estremamente moderni. In passerella si susseguono abiti realizzati con pizzo, cotone, lana, seta e anche plastica nei colori dell’azzurro, del grigio, dell’ècru. Forme quasi tatuate addosso, mini dress abbinati a boots in vinile aderenti come calze e dal tacco in metallo racchiudono la strabiliante collezione di Dior.

Dior1Dior2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tulle ed organza per Giambattista Valli che propone l’etericità dei volumi presentati dalla maison. Un trionfo di tessuti che sembrano fluttuare nel Grand Palais. Compostezza ed eleganza: questi sono i termini che descrivono a pieno la collezione in cui la figura femminile gioca con le lunghezze degli abiti.

Giambattista ValliGiambattista Valli2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo un supermercato e una Chanel Boulevard a fare da location per la sfilata della collezione ideata da Karl Lagerfeld è un giardino di carta. Un vero e proprio richiamo alla natura e alla sua freschezza: abiti lunghi fino ai piedi con stampe a fiori si mostrano raggianti. Volumi ampi sia per le gonne che si aprono come bouquet che per i cappelli che incorniciano look dal tono senza dubbio bon ton. I colori dominanti sono quelli dei petali delle più diverse specie di fiori come il giallo, l’arancione, il blu, il rosso e il rosa. Tanta classe ma anche sensualità espressa nei completi che lasciano intravedere il ventre simbolo di una femminilità che non teme di mostrarsi in tutto il suo splendore.

Chanel2Chanel1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini delle sfilate sono prese dal sito Vogue Italia

You must be logged in to post a comment Login

h24Social