Ora ci si può muovere per raggiungere le seconde case che, però, necessitano di alcune necessarie manutenzioni

Ora ci si può muovere per raggiungere le seconde case che, però, necessitano di alcune necessarie manutenzioni

Lo scorso 18 maggio sono entrate in vigore le nuove regole su spostamenti e distanziamento sociale che hanno visto l’annullamento del divieto di raggiungere le seconde case al mare o in montagna anche senza autocertificazione, purché le case di villeggiatura si trovino all’interno della regione in cui si abita. Quindi, tutti coloro che possiedono una seconda casa potranno raggiungerla durante i fine settimana, insieme a eventuali conviventi e programmare anche l’eventuale soggiorno durante l’imminente stagione estiva, considerando che a partire dal 3 giugno saranno consentiti anche gli spostamenti interregionali, permessi comunque vincolati all’evoluzione della curva epidemiologica.

Le misure legate alla quarantena causata dall’emergenza Coronavirus hanno lasciato le seconde case un po’ al loro destino, soprattutto quelle facilmente raggiungibili nell’arco di poche ore partendo dai grandi centri abitati, visto che le tradizionali festività primaverili sono ricadute proprio nel periodo in cui le misure restrittive e il divieto di spostamenti non necessari erano più severi e rigorosi.

L’impossibilità a trascorrere le festività pasquali, quelle legate al 25 aprile e al 1° maggio, la chiusura dei cantieri e il blocco di alcune attività, ha reso difficile programmare e realizzare i consueti lavori di manutenzione che, ogni anno, devono essere effettuati proprio quando si ritorna nelle seconde case, in special mondo quelle che restano chiuse e inutilizzate per molti mesi, arco di tempo che quest’anno si è prolungato oltremodo.

Come sempre, prima di rimettere piede nelle dimore deputate alla villeggiatura, è sempre buona norma effettuare i consueti lavori di manutenzione ordinaria legati all’utilizzo della casa, come quelli riguardanti gli impianti elettrici, del gas e dell’acqua. Escludendo i piccoli interventi legati al fai da te, che qualche proprietario tuttofare dotato di buona manualità riesce a eseguire, è comunque caldamente consigliato programmare un sopralluogo con professionisti e o ditte specializzate come prontointervento24h24.it per far controllare, in particolar modo, l’impianto elettrico e quello del gas.

La riapertura delle seconde case, dopo mesi ininterrotti di chiusura, potrebbero rivelare anche delle brutte sorprese come l’assenza di elettricità (non dovuta al gestore), corto circuiti causati da insetti o piccoli animali che, vista l’assenza prolungata dei proprietari, potrebbero essersi rifugiati nei posti più impensabili. Inoltre non bisogna dimenticare che l’impianto del gas andrebbe come minimo verificato prima di poterlo usare dopo tantissime settimane di inutilizzo. Un rapido controllo delle tubature, di tutte le valvole e dei diversi innesti fatto da personale specializzato, permetterà di godere della propria casa in tutta sicurezza.

 

Ecobonus e incentivi anche per alcune seconde case

Oltre a questi lavori di manutenzione ordinaria, questo potrebbe essere il momento giusto per lavori di ristrutturazione e adeguamento energetico delle seconde case, dato che alcune di queste possono beneficiare degli incentivi del cosiddetto ecobonus legato al decreto Rilancio post COVID-19.

Gli incentivi, che raggiungono percentuali del 110% prevedono detrazioni per specifici lavori di ristrutturazione, che siano di efficientamento energetico o sismico e tutela ambientale per le opere e gli impianti di ristrutturazione immobiliare su case e palazzi. Si tratta di interventi a costo zero per le famiglie mirati alla riqualificazione energetica o sismica sostenuti da un credito d’imposta del 110% per le imprese che faranno i lavori e che riguardano anche le seconde case purché in condominio.

Infatti, dall’ecobonus sono escluse, per esplicita previsione della norma inserita nel decreto legge Rilancio, gli edifici unifamiliari che non siano abitazione principale, ovvero ville e villette unifamiliari che non siano prima casa.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social