Olbia, il porto di destinazione perfetto: ecco cosa non dovresti perderti

Olbia, il porto di destinazione perfetto: ecco cosa non dovresti perderti

Olbia, il porto di destinazione perfetto: ecco cosa non dovresti perderti

Se stai organizzando la tua vacanza in Sardegna ma non sai dove approdare, il consiglio è di scegliere Olbia. Questa città sul mare non è solo comodissima, ma anche ricca di cose da vedere e ha anche delle spiagge favolose. In tanti per questo la scelgono anche molto comodamente come base per le vacanze, per poi esplorare i dintorni. La cittadina gallurese come destinazione garantisce la tratta più breve, specie se si fa, per esempio, Civitavecchia Olbia in traghetto. Da Civitavecchia la partenza è comodissima da moltissime zone della Penisola grazie alla posizione centrale e ben servita dalla rete stradale.

Visto che vi trovate lì, ne approfitterete di certo per visitare le cose più belle di Olbia, che ne ha a bizzeffe. Ecco quali sono quelle che di certo non vi potete perdere.

Perché visitare Olbia

Olbia è una città dal passato animato per via della sua posizione di passaggio. Qui se ne sono viste delle belle e per questo, di conseguenza, non mancano cose da vedere. A dare il loro contributo sono civiltà come la nuragica in età preistorica, ma anche Fenici, Greci, Romani. Un grande sviluppo vi fu in età medievale, momento in cui iniziò a prendere forma la città che possiamo vedere anche oggi. Molti ampliamenti ci sono stati anche nell’ultimo ventennio, proprio a partire dal porto visto l’aumento di traffico sullo stesso per via dei turisti e dei commerci.

La città di Olbia, insomma, è un centro turistico dal passato glorioso, ecco che quindi per il visitatore è un vero piacere passare per le sue viuzze e guardare le sue “attrazioni”. Camminando per le sue vie, anche di sera, si può assaporare una vera e propria magia: sarà il mare dai colori splendidi, saranno gli odori di una tradizione millenaria, saranno le pietre lì posizionate da secoli… in tutti i casi di questa città ci si innamora proprio.

Cosa non perdervi della città gallurese

Di certo merita qualche giretto il centro storico di Olbia che ha molto da raccontare di sé e che è animato da botteghe e da eventi, specie nella stagione estiva. Fra le architetture spicca di certo il Palazzo del Municipio, accanto niente poco di meno che ad un antico e maestoso Foro Romano. Questo è una perla antica immersa fra palazzi splendidi in stile liberty e localini dove mangiare qualche tipicità assieme ad un calice di buon vino. Una via in salita lì vicino conduce a Piazza Regina Margherita: un ampio spazio attorniato da palazzi dell’Ottocento.

Lungo Via Cagliari, sempre nel centro storico, sorge l’edificio imponente della Chiesa di San Paolo. Si tratta di un edificio di granito, semplice e maestoso eretto fra Sei e Settecento, caratterizzato da una cupola interamente ricoperta di maioliche. Questo monumento in tutta la sua bellezza è oggi simbolo della città. Senza spostarsi di molto, appena fuori dal centro storico, c’è un altro edificio sacro da non perdere: la Basilica di San Simplicio. Si tratta di una chiesa d’età romanica, quindi è la chiesa più antica della città. La particolarità è proprio la sua semplicità dentro e fuori.

Nella zona di Olbia, non distante dal centro, ci sono alcuni siti archeologici di notevole valore: la Necropoli di San Simplicio di età romana, le Mura Puniche, Pozzo Sa Testa, Nuraghe Riu Mulinu. Da non perdere se piace il mondo dell’antichità, c’è anche il Museo Archeologico, con reperti splendidi e rari, come relitti di navi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social