La tecnologia al servizio della cucina

La tecnologia al servizio della cucina

La tecnologia negli ultimi anni ha fatto passi da gigante in qualsiasi aspetto della nostra vita. Dal lavoro al tempo libero, i nuovi dispositivi ci aiutano nelle faccende di tutti i giorni. Anche a casa possiamo usufruire della tecnologia, come per esempio in cucina. Ed il web di ottime soluzioni che fanno felici soprattutto gli amanti della tecnologia ce ne sono tanti. Tra questi non si possono non citare i rubinetti da cucina su Idroclic, che per stile e avanguardia sono tra i più apprezzati come  quelli touch che permettono di chiudere l’acqua con un semplice tocco oppure quelli a led.

Secondo uno studio, inoltre, gli elettrodomestici del futuro in cucina usufruiranno di connessione ad internet che consentiranno un risparmio sia in termini di risparmio d’acqua ed energia (63,9%), sia nella gestione dei rifiuti (54,2%). La gestione degli elettrodomestici, con piano a induzione e cappa motorizzata, nonché i sistemi di illuminazione integrata e la movimentazione del piano richiedono l’allacciamento all’impianto elettrico.

Spesso queste cucine sono già predisposte per i necessari collegamenti. In ogni caso, i cavi vengono fatti passare in corrispondenza del vuoto sanitario previsto sempre all’interno dell’isola.
Solitamente non viene montato il fornello a gas, in quanto viene preferita la tecnologia a induzione, perché considerata più sicura e non richiede obbligatoriamente la presenza della cappa aspirante.

Tutto questo connesso al wi-fi di casa e quindi capaci di comunicare tra loro. Per quanto riguarda la cappa i sistemi up & down vengono proposti per le cucine a vista e in tutti i casi in cui si voglia camuffare l’elemento aspirante, senza rinunciarvi. Grazie a un meccanismo telescopico motorizzato, la cappa, quando non utilizzata, si abbassa al livello del top. Pur non essendo obbligatoria con il piano a induzione, è comunque consigliata per una migliore qualità dell’aria. Cambia, ovviamente, anche il piano cottura grazie alle app progettate appositamente per la cottura degli alimenti.

Oltre a controllare in diretta lo status dell’apparecchio, è spesso possibile accenderlo e spegnerlo a distanza, così come cambiare la temperatura e il programma, a seconda delle esigenze. Durante la cottura su un piano di questo tipo o la ricarica senza fili di un device, l’energia viene trasmessa tramite un campo elettromagnetico, generato da bobine elettriche. Affinché ciò sia possibile, l’oggetto (pentola, smartphone o tablet) deve però essere in grado di attirare tale campo.

Le pentole devono avere il fondo ferroso (ottimo l’acciaio), mentre i device devono essere abilitati, cioè conformi agli standard internazionali. Tra questi, il più diffuso è lo standard Qi, che utilizza un sistema a induzione magnetica capace di fornire energia fino a 5 W. A due condizioni: che il dispositivo sia certificato Qi e che sia fisicamente appoggiato sul caricatore. Grande attenzione anche ai frigo visto che sono in continua evoluzione. Già ora è possibile usare lo schermo del frigorifero per ordinare la spesa online, in futuro potrebbe diventare un vero e proprio centro di controllo domotico. Insomma, la tecnologia in cucina fa veramente passi da gigante.

Comments are closed.

h24Social