La falsificazione dei biglietti da concerto, come riconoscerli?

La falsificazione dei biglietti da concerto, come riconoscerli?

È una di quelle esperienze spiacevoli che “capitano soltanto ai più sciocchi” fino a che non capita anche a noi. E in questo modo ci rendiamo conto che imparare i sistemi per riconoscere i biglietti veri da quelli falsi non è solamente utile, ma anche necessario.

Per falsificare dei biglietti al giorno d’oggi, per poi venderli anche a chi di biglietti per concerti ed eventi sportivi nella sua vita ne ha comprati a migliaia, ci vuole davvero molto talento, questo è indubbio. Esistono però delle differenze sostanziali tra biglietti autentici e bei falsi, che hanno a che fare con quegli elementi unici e inimitabili che nessuno, neppure con le migliori tecnologie può ricopiare alla perfezione.

Ovviamente, per chi non sa dove guardare, cadere in un tranello è semplice, anche fin troppo. Bisogna informarsi e stare all’erta, sempre e non semplicemente quando si comprano biglietti: mai spendere soldi per acquistare qualcosa senza assicurarci al cento per cento di stare facendo un buon affare.

Le fregature non capitano esclusivamente alle persone più ingenue: ad esempio quelle che all’ultimo minuto, davanti alla porta d’ingresso di un grande evento, mentre guarda la lunga fila rassegnato, si fa attirare da qualche figura losca che gli chiede di seguirla. Chi è saggio non lo fa e anche chi lo è di meno sa benissimo di cosa si tratta: i bagarini non offrono mai buoni affari e neppure lontanamente leciti.

Purtroppo, anche su internet, spulciando in quei siti pieni di loghi che sembrano assai sicuri, a volte si prendono delle batoste incredibili. Bisogna stare con mille occhi aperti, qualsiasi sia il contesto. Ovunque si può nascondere qualcuno con l’intenzione di spillarci un po’ di denaro, promettendoci cose che non esistono.

La prima regola per non rischiare di ritrovarci in mano dei pezzi di carta senza alcun valore è questa: passare sempre dai canali ufficiali, seppure quelli molto loschi ci offrono la stessa cosa a meno prezzo. Vale di più spendere soldi per qualcosa che poi si ottiene e possiamo goderci, piuttosto che spenderne pochi ma averli dati in beneficenza a una persona truffaldina.

Come evitare di farsi truffare?

Come accennavamo prima, una cosa da evitare è quella di andare a cercare i biglietti del concerto in canali non ufficiali e non certificati. Bisognerà andare quindi nel sito ufficiale di un canale certificato e scoprire chi è il promoter e chi organizza il concerto: così facendo si scoprirà il rivenditore preciso dei ticket dell’evento che vi interessa.

Nel momento in cui si entrerà nel sito del distributore dei biglietti si potrà controllare se tutto appare regolare: per esempio si potrà verificare se ci sono prevendite di altri concerti, si potranno fare dei confronti e delle comparazioni con altri siti web per capire se i prezzi sono credibili o se ci sono oscillazioni strane o in quanto cifre altissime o troppo scontate non sono un buon segno.

Da non sottovalutare un aspetto: l’ologramma di sicurezza che in genere non è molto semplice da falsificare, anzi possiamo dire che è molto complesso. Una buona idea può essere quella di fare un confronto tra il prezzo che c’è scritto e quello proposto.

Molto importanti sono le diciture, che vanno controllate in quanto a volte soprattutto le scritte sono false:i truffatori a volte usano carta di ticket vera, ma allo stesso tempo vengono sviati con dati non veri, per essere poi adattati a manifestazioni sportive o musicali.

Foto di Free-Photos da Pixabay

You must be logged in to post a comment Login

h24Social