Immobili di lusso: tutti gli svantaggi spesso trascurati

Immobili di lusso: tutti gli svantaggi spesso trascurati

Quanti di noi coltivano il sogno di riuscire, un giorno, a vivere in una villa lussuosa dotata di ogni comfort? Nel nostro immaginario questo tipo di residenza rappresenta sicuramente un simbolo di successo, realizzazione personale e notevole benessere. Ma siamo proprio sicuri del fatto che vivere in un grande immobile sia un’esperienza tutta rose e fiori? Mentre sogniamo stanze armadio, ampi salotti e bagni in piscina, potremmo effettivamente trascurare tutta una serie di aspetti non del tutto positivi.

Se state pensando di procedere all’acquisto di un’abitazione di lusso, o se più semplicemente avete voglia di consolarvi, mentre sedete di fronte allo schermo del computer nel vostro modesto, ma amato appartamento, il consiglio è quello di leggere bene questo articolo.

I costi di manutenzione

Le spese per il mantenimento di una villa, anche di piccole dimensioni, non finiscono mai: qualunque lavoro di manutenzione, dal rifacimento di cornicioni deteriorati dalle intemperie, all’imbiancamento delle pareti, passando per i problemi agli impianti elettrici o di riscaldamento, pesano ovviamente solo sulle tasche del proprietario.

Anche i lavori di manutenzione ordinaria possono rivelarsi molto impegnativi. Basti pensare solo  alla cura del giardino: la presenza di una piscina oppure della classiche fontane per ville, richiede, spesso, di fare ricorso a ditte specializzate che mantengano tali elementi funzionali e in buone condizioni. Se necessitate di assistenza a riguardo, su www.centroitalia.it  è possibile contattare un’azienda di specialisti nella realizzazione di fontane per ville di ultima generazione.

La gestione del personale

Quando le dimensioni dell’abitazione superano un certo limite, pensare di prendersene cura da soli diventa impossibile. Si rende così necessaria la presenza di un personale, ad esempio domestici per la pulizia degli spazi interni e giardinieri per la cura del parco, che naturalmente dovrà essere stipendiato e sul quale si dovrà riporre molta fiducia. Per chi non ama l’idea di avere degli estranei liberi di muoversi tra le mura domestiche, questa necessità può rivelarsi fonte di molto disturbo. In più, anche demandando ad altri i lavori più pesanti, molto dovrà essere l’impegno messo nell’organizzazione delle loro attività e nella gestione di quelli che di fatto saranno dei veri e propri dipendenti.

I consumi e le tasse

Sempre per quanto riguarda gli aspetti economici, non si può non considerare le consistenti spese che, anche dopo l’acquisto di un immobile di prestigio, bisognerà continuare a sostenere.

Un’abitazione di grandi dimensioni è inevitabilmente fonte di grandi consumi. Per fare un esempio, la spesa sostenuta per il riscaldamento di una villetta indipendente è di molto superiore a quella necessaria per un appartamento: Il maggior numero di stanze, gli spazi più ampi e l’assenza di altre abitazioni che vadano a fare da riparo alle pareti della casa, comporta un considerevole aumento dell’uso di caldaie e stufe elettriche.

Inoltre, gli immobili di lusso risultano essere sottoposti ad un regime fiscale molto oneroso. Nel nostro paese, anche quando si tratta di prima casa, le residenze che rientrano nelle categorie catastali A/8, A/9 ed A/1, sono soggette al pagamento di TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) TARI (Tassa sui rifiuti) ed IMU (Imposta Municipale Unica).

La minore praticità

Se da una parte vivere in una grande abitazione vuol dire avere maggiori spazi a propria disposizione, dall’altra può rivelarsi molto poco pratico. Nella vita di tutti i giorni ciò che più conta è infatti poter avere accesso rapidamente a tutti gli spazi della casa: una villa di grandi dimensioni, finisce per assorbire molto del tempo dei suoi inquilini, anche semplicemente considerando lo spostamento da una stanza all’altra, da un piano a quello superiore, o la necessità di chiudere tutti gli infissi e le finestre ogni volta che si esce. Altri piccoli ma fastidiosi disagi possono essere creati, ad esempio, dal frequente smarrimento di oggetti.

Infine, va sottolineato che il vivere in ambienti particolarmente grandi, dove ogni membro della famiglia ha a disposizione spazi solo per lui, di certo non favorisce le classiche dinamiche di comunione familiare.

Il maggiore pericolo di furti

Le villette isolate sono purtroppo spesso oggetto di furti. Ovviamente è la prospettiva di un ricco bottino a rendere particolarmente invitanti per ladri e topi d’appartamento gli immobili di maggior prestigio. Va detto poi, che la presenza di più ingressi e di molte finestre, espone in maniera particolare queste abitazioni al pericolo di visite sgradite.

Sì rende così necessaria l’adozione di misure di sicurezza, quali antifurto e grate ed inferriate per le finestre, che comunque, in molti casi, non sono sufficienti per assicurare del tutto la tranquillità degli inquilini.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social