Guida definitiva per trovare un consulente SEO serio e migliorare definitivamente il tuo sito web

Guida definitiva per trovare un consulente SEO serio e migliorare definitivamente il tuo sito web

Lavorare come consulente SEO può essere un lavoro duro, in quanto dipende soprattutto dalla continua evoluzione del web.

Inteso in questo modo, si potrebbe notare una sorprendente somiglianza con le carriere iniziate nel regno dell’informatica degli anni ’80 e ’90, anni in cui era richiesto un apprendimento costante e continuo mentre la tecnologia stava esplodendo.

Oggi invece, deve essere tenuta presente una variante molto importante: l’ottimizzazione sui motori di ricerca, per la cui buona messa in pratica è richiesto un costante aggiornamento sulle ultime tendenze e sulle migliori pratiche SEO.

Alla luce di ciò quindi, in qualità di imprenditore, non puoi sprecare tutto il tuo tempo e le tue energie occupandoti da solo di SEO e di tutto ciò che gira intorno al marketing digitale.

La tua massima concentrazione deve infatti essere rivolta principalmente alla crescita della tua attività, senza spreco di ulteriori risorse che puoi tranquillamente delegare ad altri.

Nella maggior parte dei casi è quindi meglio assumere un consulente SEO che sappia prendersi cura delle tue esigenze di ottimizzazione, in quanto avrà tutte le conoscenze e l’esperienza necessarie per svolgere il lavoro in modo efficace.

Si tratterà sicuramente di un investimento utile, in quanto alleggerirà il pesante carico cognitivo di concentrare la tua mente attorno alla SEO e ti consentirà di concentrarti sulla creazione di buoni contenuti.

Trovare un consulente SEO può richiedere almeno un po’ di conoscenza approfondita del settore, per essere in grado di determinare se un potenziale candidato è adatto a te e alla tua attività.

In questa guida, ti informeremo su tutto ciò che devi sapere quando assumi il tuo consulente SEO personale e analizzeremo anche alcuni errori comuni commessi dai principianti.

Freelance o agenzia?

Immediatamente, incontrerai il dilemma se assumere un’agenzia SEO o un libero professionista. Questa è principalmente una preoccupazione di bilancio, poiché i liberi professionisti sono quasi sempre più economici delle agenzie.

Qual è la differenza tra consulenti SEO freelance e agenzie SEO?

Un consulente SEO è un singolo esperto di marketing digitale, vale a dire un lavoratore autonomo, e non rappresenterà un’azienda quando lavora per te.

Puoi assumere uno o più liberi professionisti in base alla complessità delle tue esigenze SEO, ma in generale avranno contratti separati. I liberi professionisti sono più economici delle agenzie specializzate e spesso lavorano per diversi clienti contemporaneamente.

Un’agenzia SEO di marketing è invece una società di marketing digitale che si prenderà cura delle tue esigenze SEO al posto tuo. Ogni agenzia ha diversi dipendenti che sono gestiti dall’azienda.

Generalmente non interagirai in prima persona con gli stessi esperti, ma piuttosto con un gestore come un account director. Le agenzie possono variare da una piccola startup a una gigantesca società, e il prezzo spesso aumenta sulla base di queste dimensioni.

Il consulente SEO freelance

Assumere un SEO freelance ha il vantaggio principale di essere di gran lunga l’opzione più economica tra i due, almeno inizialmente. I freelance sono anche facili da assumere, poiché ci sono molti siti web che ti rendono facile pubblicare lavori, consentendo ai freelance di trovarti.

La scelta di assumere freelance comporta anche il vantaggio della scalabilità: assumi solo pochi o quanti freelance ti occorrono per ricoprire i tuoi ruoli di marketing SEO.

Svantaggi nell’assumere un consulente SEO freelance

Se finora abbiamo visto quali sono i vantaggi, gli svantaggi di assumere un consulente SEO freelance potrebbero farti pensare due volte.

Prima di tutto, un abile consulente SEO freelance potrebbe essere piuttosto bravo nel suo lavoro, ma è probabile che stia anche lavorando su alcuni lavori contemporaneamente per massimizzare le sue entrate.

Se quindi è per caso in ritardo per uno dei suoi clienti o è sovraccarico, la qualità del suo lavoro e la quantità di tempo che deve dedicare al progetto potrebbero essere limitate.

A parte questo, i liberi professionisti non saranno sempre disponibili per te. Potrebbero avere emergenze o vacanze improvvise. La loro disponibilità come individui può diventare una preoccupazione imprevedibile.

Inoltre, se assumi una squadra di diversi liberi professionisti piuttosto che un’agenzia, potresti risparmiare denaro, ma ti stai preparando ad un bel po’ di seccature. Dovrai infatti metterti a discutere la tua visione separatamente con ciascuno dei tuoi liberi professionisti una volta che li avrai ingaggiati, e questo può essere stancante, portando spesso a una cattiva comunicazione e mancanza di sinergia di squadra.

E se uno dei tuoi liberi professionisti lascia, dovrai spiegare di nuovo il progetto all’esperto SEO che lo sostituirà. Non ci sarà nessun direttore creativo che si occuperà dell’operazione per te.

Agenzia SEO

Ingaggiare un’agenzia è sicuramente una proposta più costosa. Pagare un’agenzia significa infatti pagare non solo per gli esperti SEO stessi, ma anche per i dirigenti e i direttori che agiscono come collegamento tra te e l’agenzia.

In genere assumi anche un’agenzia per un lavoro a lungo termine, il che significa che è un po’ più complicato iniziare. Tuttavia, i risultati sono spesso sostanzialmente migliori e più affidabili.

Un’agenzia di consulenza SEO specializzata si avvarrà degli sforzi combinati di un intero team con molti anni di esperienza combinata per affrontare le tue esigenze SEO.

Tieni conto poi che avrà sicuramente altri clienti oltre a te, ma allo stesso tempo i suoi manager distribuiranno il carico di lavoro e garantiranno la qualità, in modo da non avere mai problemi con i risultati.

L’agenzia inoltre assicurerà anche che non dovrai pensare a gestire i tuoi esperti SEO: se vuoi che qualcosa venga fatto, sarà fatto in modo trasparente, senza che tu debba conoscere o preoccuparti del lavoro dietro le quinte.

E se qualcuno dei professionisti si dovesse ammalare o andasse in vacanza, il lavoro verrà semplicemente riassegnato a qualcun altro.

In definitiva, fare la scelta di assumere un’agenzia ti porterà a stabilire una relazione a lungo termine con i tuoi consulenti di marketing digitale. Saranno partecipi nella tua crescita, con un’intima consapevolezza della visione che hai per la tua attività e i tuoi contenuti, e saranno in grado di offrire soluzioni che rispecchino le tue esigenze.

Imposta i tuoi obiettivi

Saper scegliere un consulente inizia con il conoscere te stesso. Ciò significa che devi prima capire quali sono i tuoi obiettivi SEO, il che a sua volta significa stabilire i tuoi KPI e determinare come un consulente SEO può aiutarti a raggiungerli.

Un buon obiettivo potrebbe consistere nell’aumentare il traffico all’interno della tua nicchia, che risulta essere uno dei principali obiettivi SEO. È inoltre possibile impostare le entrate come obiettivo, ma è necessario che vengano fornite delle specifiche, ad esempio se si desidera aumentare le vendite o promuovere la consapevolezza in altri settori.

Puoi anche optare per un maggiore afflusso di e-mail, registrazioni di account o download gratuiti, come obiettivi della tua impresa SEO. Saranno quindi proprio i tuoi obiettivi a determinare se ti servirà un controllo una tantum del tuo sito e dei tuoi contenuti o una relazione a lungo termine con un’agenzia di consulenza SEO.

Cerca i candidati nei posti giusti

La ricerca di agenzie SEO è un’attività complicata. Ricorda che stanno tutti cercando di catturare la tua attenzione e, naturalmente, se sono bravi nel loro lavoro, si classificheranno molto bene nella loro nicchia.

Cosa evitare quando si assume un consulente SEO 

Un buon consiglio è quello di evitare i siti web il cui scopo sembra essere quello di creare classifiche per le agenzie SEO. Spesso queste classifiche hanno poco a che fare con la realtà, e infatti non sono altro che frutto di elenchi creati su pagamento per classificare le aziende a seconda di quanto si è disposti a pagare per uno slot.

Dovresti anche evitare di basare la tua ricerca semplicemente cercando le parole chiave su Google, come “consulente SEO città / regione”.

Ogni azienda SEO nella tua zona cercherà di classificarsi in modo esatto con questi termini e non sarà un indicatore realistico di successo.

In effetti, non è difficile immaginare che i consulenti SEO di maggior successo potrebbero non classificarsi così in alto, perché ottengono troppi referral e contatti diretti di cui non hanno più bisogno per ottimizzarsi.

Sapere dove cercare

Un buon punto di partenza è sempre all’interno della propria rete. Chiedi in giro per il tuo LinkedIn e altri contatti commerciali, in particolare tra quelli appartenenti a settori che generalmente richiedono molto SEO.

Puoi anche chiedere direttamente consigli ai tuoi amici, familiari e colleghi o anche avvicinarti a chiunque nella tua rete abbia esperienza di consulenza SEO.

Dovresti anche guardare alle aziende al di fuori della tua sfera competitiva, con le quali hai buoni rapporti. Chiedi loro informazioni sui consulenti SEO con cui hanno collaborato e cerca di ottenere utili riferimenti da queste conversazioni.

Ci sono anche professionisti del settore SEO di alto livello là fuori che legittimamente si posizionano in alto grazie al loro contenuto autorevole e ai risultati che hanno fornito. Cerca questi e vedi se quei consulenti SEO posizionati in alto alle classifiche possano essere risorse preziose.

Controlla i tuoi candidati

Quando avrai raccolto, per esempio, 3-5 candidati che possano aspirare ad essere tuo consulente SEO, è tempo di iniziare a porre loro le domande che contano.

Innanzitutto, è fondamentale determinare i criteri aziendali per la scelta di un candidato.

Il consulente SEO è facile da contattare?

Il suo orario di lavoro è in linea con il tuo?

Puoi prenotare incontri con lui regolarmente, online o di persona?

Queste informazioni sono importanti, in modo da poter filtrare immediatamente le scelte inefficienti.

A questo punto poni al candidato domande importanti sul suo background, aspetto questo che determinerà il suo grado di competenza e performance.

1. Che successo ha ottenuto il consulente per i clienti precedenti?

Cosa determina un’agenzia SEO di marketing digitale di successo? Sicuramente se i suoi clienti sono altamente posizionati nei motori di ricerca è un indice positivo! Chiedi ai potenziali consulenti se i loro clienti passati hanno effettivamente ottenuto risultati positivi. È anche importante chiedersi in che modo sono stati coinvolti i propri sforzi per ottenere classifiche SERP più elevate.

Dovresti anche chiedere eventuali case study che ha. I case study infatti sono molto utili non solo per determinare l’efficacia di un consulente, ma anche su come funzionano esattamente le loro pratiche.

2. Quali pratiche SEO utilizza il consulente?

Prima di chiedere questo, devi essere consapevole delle pratiche SEO nel loro complesso. Scopri alcune delle migliori pratiche e metodi applicati nella SEO e scopri come funziona la ricerca di parole chiave SEO, cosa fare e cosa non fare.

Una volta che hai un’idea di tutti questi, confrontali con il funzionamento del tuo potenziale consulente e ti accorgerai della sua validità o meno.

3. Quali sono i tuoi KPI? Come li segnalerà il consulente?

Ricordi gli obiettivi che ti sei prefissato prima di iniziare a cercare candidati? È tempo di metterli al lavoro. Chiedi ai tuoi candidati quali sono alcuni buoni indicatori chiave di performance e se possono dimostrare il raggiungimento di questi KPI.

È anche poi importante che un consulente SEO possa fornire rapporti sui progressi del progetto web preso in carico. Richiedi rapporti di esempio e vedi se sono facili da capire quando te li presenta. Questo lavoro rappresenterà il tipo di segnalazione che dovrai ricevere regolarmente da chi sceglierai di assumere.

4. Che esperienza ha il consulente nella tua nicchia?

Fondamentalmente, più esperienza ha un’agenzia con la tua nicchia o le sue industrie circostanti, più saranno allineati (in teoria) alle tue esigenze.

Perché dovresti evitare SEO a basso costo

In molti settori, “mangi come spendi” è una legge canonica, e questo vale sicuramente anche nella SEO. In effetti, non solo il fatto di risparmiare sulla SEO ti farà lavorare con una bassa qualità o con risultati nulli, ma anche il posizionamento del tuo sito potrebbe essere basso oppure nullo!

Ecco allora alcune pratiche negative legate alle agenzie SEO più economiche, che potrebbero colpirti se decidi di assumerle.

Utilizzo di reti di blog privati ​​e schemi di collegamento

Una PBN è una rete di siti che esiste esclusivamente per fare pratiche di link building scorrette verso il tuo sito. Poiché Google utilizza i backlink come indicatore di autorità, questo è teoricamente un modo per migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca.

Tuttavia, l’utilizzo di schemi di backlink come questi è una flagrante violazione dei termini di Google e, se mai venissi scoperto, il tuo sito potrebbe essere penalizzato o cancellato dai motori di ricerca.

Le società e i consulenti SEO più economici useranno spesso schemi di link per migliorare artificialmente il ranking del tuo sito web.

Un ultimo consiglio? Scappa finché sei in tempo!

Rotazione degli articoli

La rotazione degli articoli implica l’esecuzione dei contenuti attraverso un software che modifica automaticamente parole e frasi casuali nei loro sinonimi. Questo è un modo rapido e sporco per riprodurre i tuoi contenuti più e più volte senza avere un mare di articoli identici. I consulenti SEO più economici a volte lo fanno per aiutare a promuovere i backlink senza essere spam.

Sfortunatamente, il contenuto trasmesso sembra davvero orribile quando lo leggi.

Non siamo ancora arrivati ​​al punto in cui i computer possono eseguire in modo affidabile un SEO copywriting originale e di alta qualità per noi, e il risultato della rotazione degli articoli è un contenuto a malapena leggibile, goffo e che potrebbe danneggiare la tua autorità e credibilità.

Riempimento di parole chiave (keywords stuffing)

All’inizio di Internet, la SEO comportava l’utilizzo di quasi tutte le parole chiave pertinenti che potessi usare, messe ovunque. Ci si ritrovava con frasi casuali in un articolo, gettando tutto sulla meta descrizione, appesantendo la tua fonte HTML con un testo del corpo invisibile: eravamo di fronte quindi davvero ad un selvaggio west.

Quei giorni sono finiti e le parole chiave SEO sono molto più sfumate che mai. Tuttavia, molti professionisti SEO più economici sono ancora ancorati al passato o non vogliono fare lo sforzo. Se praticano questo tipo di black hat SEO, i tuoi contenuti e il tuo sito web appariranno terribilmente innaturali, e praticamente sarà un lavoro da rifare.

Ai tuoi lettori non piaceranno ovviamente contenuti pieni di parole chiave, quindi potrebbero essere demotivati ​​da questo oltre al fatto che andrai incontro a penalizzazione certa.

Contenuto di bassa qualità

“Mangi come spendi”, si applica a tutto ciò che riguarda la SEO e ciò include la qualità dei tuoi contenuti. Se cerchi un consulente SEO a buon mercato, saranno a buon mercato anche le sue creazioni di contenuti.

Copywriting, plagio, editing, ricerca: tutti questi sono sacrificati quando non paghi per la qualità.

Mentre i “contenuti scritti in modo scadente” possono ancora essere così classificati temporaneamente, ti ritroverai con una frequenza di rimbalzo elevata e conversioni del sito web scadenti. Non ha senso generare migliaia di traffico al mese se nessuno di loro rimane in giro per più di qualche secondo.

Sarebbe abbastanza brutto se avessi contenuti terribili associati al tuo marchio. Tuttavia, se c’è anche un plagio, può correre il rischio che il tuo sito venga penalizzato o cancellato da Google.

E se il consulente SEO diventasse un tuo dipendente aziendale?

Assumere un consulente SEO o un’agenzia SEO non è la tua unica opzione. Se non intendi avere una relazione a lungo termine con la SEO, ma anche intrecciarla con i tuoi affari, potresti assumere una persona o un team di SEO specialist come parte della tua azienda.

Sebbene sia costoso, il vantaggio di assumere un consulente interno è che sarà completamente concentrato nel lavorare con te, piuttosto che dividere il suo tempo tra gli altri clienti. Anche la comunicazione e le relazioni saranno praticamente on demand.

Potresti assumere un’agenzia SEO per fare un lavoro momentaneo, mentre fai addestrare una persona SEO interna.

Conclusioni

La SEO è uno strumento essenziale nel marketing digitale e se hai intenzione di avere anche una piccola parte della tua attività proveniente dal digitale, avrai sicuramente bisogno di servizi SEO di qualità per rimanere competitivo.

Un buon consulente SEO aprirà la strada al successo digitale e garantirà un pubblico in crescita all’interno della tua nicchia.

Ecco perché è importante farlo bene già dalla prima volta.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social