Criptovalute: tra boom e crolli, cosa aspettarsi dagli investimenti nelle monete digitali?

Criptovalute: tra boom e crolli, cosa aspettarsi dagli investimenti nelle monete digitali?

Le criptovalute stanno diventando sistemi di pagamento sempre più popolari e diffusi, con importanti aziende nel settore payments che stanno investendo su questa nuova tecnologia per il futuro. Tra le ultime imprese entrate nel mondo criptovalutario c’è MasterCard, pronta a proporre ai suoi milioni di clienti soluzioni adeguate per il supporto delle transazioni con le monete digitali.

Secondo il colosso dei pagamenti statunitense, quattro millennials su dieci pensano di usare le criptovalute nel 2022, inoltre tutte le principali banche centrali del mondo stanno lavorando allo sviluppo dei crypto token, a dimostrazione del forte interesse che ruota intorno a questa tecnologia. Eppure il mercato criptovalutario sta attraversando un momento molto turbolento, con un’elevata volatilità e uno scenario caratterizzato da boom e crolli improvvisi.

Trattandosi di un settore non regolamentato è particolarmente esposto alle notizie, soprattutto quando provengono da personaggi in vista come l’istrionico Elon Musk. Un altro problema è legato all’impatto ambientale delle criptovalute, un aspetto che sta spostando l’attenzione verso le tecnologie crypto più green e l’utilizzo delle fonti rinnovabili per il mining. Anche lo spettro delle normative costituisce un fattore d’incertezza per gli investitori, ad ogni modo esistono delle soluzioni che consentono di sfruttare queste fluttuazioni.

Come investire sulle criptovalute con il trading online

Se da un lato alcuni investitori sono preoccupati dalle grandi oscillazioni delle quotazioni delle monete digitali, dall’altro c’è chi sta usufruendo della volatilità in aumento per investire con il trading CFD. Per quanto riguarda l’investimento in criptovaluta, il trading online è una delle opzioni più gettonate per operare su questi asset nei periodi più irrequieti, utilizzando l’analisi tecnica e i contratti per differenza per speculare sui movimenti dei prezzi.

Si tratta di una modalità adatta anche ai piccoli trader retail, in quanto mette a disposizione un’elevata accessibilità e consente di investire anche con un capitale ridotto. A differenza dell’acquisto di criptovalute tramite gli exchange, con il trading CFD si investe con orizzonti temporali di breve termine, individuando i trend più promettenti per aprire posizioni al rialzo o al ribasso sulle quotazioni delle monete digitali.

Questo approccio richiede competenze nell’analisi finanziaria, per studiare i grafici ed essere in grado di individuare le tendenze più interessanti, creando strategie operative efficaci e gestendo il rischio attraverso stop loss e take profit. Ovviamente è importante scegliere un broker affidabile e autorizzato, selezionando una piattaforma di trading efficiente e adatta alle proprie esigenze tramite il conto demo, valutando una serie di aspetti come le commissioni, la qualità delle tecnologie di trading e gli strumenti per l’analisi tecnica proposti dall’intermediario.

Trading online di criptovalute: cosa bisogna sapere oggi?

Dopo il boom degli acquisti di criptovalute molti investitori si stanno spostando verso il trading crypto, un’attività più indicata in questo nuovo scenario dominato dalla volatilità e dall’incertezza. Oggi molti broker specializzati propongono un’ampia gamma di crypto token su cui investire con i CFD, con tutte le criptovalute più celebri come Bitcoin ed Ethereum, fino alle tecnologie emergenti come Uniswap, Dogecoin, Aave e Compound.

L’aumento dell’offerta consente di migliorare le proprie strategie d’investimento, puntando sulla diversificazione per un controllo ottimale del rischio, un approccio che permette di operare in modo più sostenibile nel lungo termine. Naturalmente, lo strumento principale per un trader rimane l’analisi tecnica, per questo motivo è indispensabile conoscere grafici e indicatori per fare trading in maniera consapevole, studiando con attenzione i movimenti delle criptovalute attraverso l’analisi storica dei prezzi.

Un aspetto da non trascurare è il risk management, infatti la corretta impostazione degli stop loss aiuta a ridurre il rischio degli investimenti, gestendo le posizioni modo più bilanciato per proteggere il capitale in maniera più efficiente. Probabilmente il settore crypto continuerà a mostrare oscillazioni considerevoli anche nei prossimi mesi, quindi è importante aumentare le possibilità d’investimento a propria disposizione, sviluppando capacità adeguate nel trading CFD per poter sfruttare queste opportunità a proprio vantaggio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]