Criptovalute: in attesa che il G20 porti consiglio

Criptovalute: in attesa che il G20 porti consiglio

Ce lo avessero detto qualche anno fa non ci avremmo creduto; quando le criptovalute, monete digitali, erano roba per pochi appassionati del settore, un qualcosa rivolto ad un nugolo di eletti esperti di programmazione e codici.

Uno strumento che, con un pizzico di ironia, si poteva definire rivolto soltanto ai cosiddetti ‘nerd’, coloro che passano tanto tempo davanti ad un pc smanettando tra codici di programmazione vari. Perché questo di base sono le monete virtuali: valute smaterializzate, costituite da parti di codice.
Ebbene dicevamo, ce lo avessero detto qualche anno fa non ci avremmo creduto che le criptovalute sarebbero diventate un argomento di discussione al G20, ovvero il forum dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali.
A fronte di ciò il prossimo G20 in Argentina ruoterà anche su questo tema: le criptovalute e la necessità di trovare un accordo sulla loro regolamentazione. Si deve sostanzialmente capire se le si vuole bandire, come molti paesi hanno fatto; o se invece le si vuole integrare nei sistemi economici mondiali.

Di cosa si dibatterà? Principalmente di far emergere all’anonimato queste valute virtuali. Oggi le criptovalute girano liberamente tra computer sparsi nel mondo; c’è anche ci le utilizza come asset da investimento utilizzando piattaforme di trading per criptovalute.
Secondo i detrattori di questi strumenti, coloro i quali non hanno mai visto di buon occhio le criptovalute, dietro a tali monete virtuali si potrebbero nascondere rischi legati a illegalità, riciclaggio di denaro, frodi e addirittura finanziamento delle principali organizzazioni terroristiche. Va ricordato che lo scorso dicembre il Bitcoin, la criptovaluta più nota del mercato, aveva toccato la quota record di quasi 20mila dollari di valore. Il tutto per un asset che qualche mese prima valeva si e no qualche decina di euro.

Proprio in quei giorni si era parlato di possibile speculazione dato che poi, nei giorni successivi, il prezzo era immediatamente sceso. E in quell’occasione molti esponenti politici di diversi paesi si erano spesi per sottolineare la necessitò di iniziare a trattare il tema. Un argomento che, in sostanza, non si può più ignorare né può essere preso sotto gamba.

Oggi le criptovalute vengono utilizzate con sempre più frequenza in tutto il mondo; ovviamente solo sul mercato virtuale, visto che la peculiarità principale è quella. Strumenti virtuali sui quali nessun ente bancario o governo centrale può avere potere. E in fondo è anche questa la ragione per la quale questi asset finanziari continuano ad avere un notevole appeal tra utenti di tutto il globo.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social