Come scegliere la muta da sub

Come scegliere la muta da sub

La muta subacquea è un accessorio necessario per chi pratica le immersioni. Se sei all’inizio di questa tua avventura è molto probabile che non sai bene come sceglierla, quali sono le caratteristiche che deve possedere una buona tuta. In questo articolo ti aiutiamo a individuare quella perfetta per te in base alle tue esigenze.

Si suddividono principalmente in due categorie. Da una parte ci sono le mute umide realizzate in neoprene, dall’altra le mute stagne in tessuto oppure in neoprene.

Mute umide

Il neoprene è un materiale isolante molto buono, però il suo peso specifico è inferiore all’acqua, ecco che tende a galleggiare. Sembra un dettaglio ma, se non hai esperienza nel settore rischi davvero di risentirne. In questa categoria rientrano anche le mute semistagne, si chiamano così perché permettono all’acqua di entrare in una certa quantità attraverso cerniere poste in punti strategici.

Le mute umide sono divise in due pezzi. Sono indicate per chi desidera fare l’apnea o comunque per chi si immerge a profondità contenute e d’estate. Le temperature delle acque infatti devono essere a più di 10 gradi. Questo perché si forma tra il corpo e la fodera interna uno strato d’acqua che consente di raggiungere una condizione di equilibrio termico. Non sono particolarmente adatte a chi soffre il freddo. Le trovi in commercio sempre in due pezzi, alcune volte può esserci collegata una cintura. Lo spessore di queste mute è di 5 mm.

Ci sono poi quelle monopezzo che permettono un ricambio d’acqua interno minore e l’equilibrio termico perciò si mantiene per un periodo più lungo. La cerniera si trova sul busto.

Considera che devi sempre controllare qual è lo spessore della muta, perché è proprio questo dettaglio che ti assicura una maggior protezione dal freddo. Per esempio le mute da 5 e 6 mm non sono adatte in estate se soffri il caldo, ma sono perfette se soffri il freddo. Perciò è normale che devi sceglierle in base al tuo sentire. Sono scelte soggettive queste.

Altrimenti puoi optare per la muta semistagna, la quale ti permette di fare immersioni anche durante la primavera, quando le acque sono fredde, oppure in estate se vuoi andare a profondità superiori.

Muta stagna

Passiamo adesso alla muta stagna. E’ perfetto per le immersioni in acque fredde. Non permettono il passaggio di acqua e perciò una volta terminata l’immersione sei del tutto asciutto. Al suo interno vi è una guarnizione in lattice oppure in neoprene. Ci sono poi i calzari integrati che non fanno entrare l’acqua dalle caviglie.

Esiste realizzata in diversi materiali. Il principale è il neoprene, altrimenti ci sono quelle in tessuto alle quali sono aggiunti strati di poliuretano oppure gomma. In questo modo è garantita l’impermeabilità. Le mute stagne hanno una valvola alimentata da una frusta a bassa pressione. Questa è connessa alla bombola e permette l’ingresso di aria così da raggiungere l’equilibrio. Considera che i materiali della muta stagna non offrono una protezione ottima al freddo, quindi puoi indossare una sottomuta.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }