Come risparmiare per ripartire dopo il Coronavirus

Come risparmiare per ripartire dopo il Coronavirus

L’epidemia Covid-19 ha senza dubbio stravolto la vita degli italiani. Non solo si è assistito a un cambiamento radicale del modo di vivere e lavorare; gli effetti della pandemia, infatti, si sono estesi ai consumi. Molte aziende sono state costrette a fermarsi, e lo stesso è accaduto per negozianti e liberi professionisti. Di conseguenza, diverse famiglie si sono venute a trovare improvvisamente in difficoltà economica. Cercare di risparmiare, sia negli acquisti dei generi alimentari che nelle altre spese per la casa, è fondamentale. In seguito ai casi di Coronavirus gli utenti sembrano effettivamente aver adottato un atteggiamento più prudente. Negli acquisti del comparto abbigliamento, ad esempio, capi essenziali come intimo e calze sono saliti al primo posto, precedendo calzature e abbigliamento da esterno. Quali accorgimenti è possibile adottare?

Minimizzare lo spreco di cibo

Recenti ricerche hanno rilevato come in Italia gli sprechi alimentari domestici abbiano raggiunto un valore preoccupante, tanto da arrivare allo 0,88% del PIL nazionali. Ma c’è un altro dato preoccupante, che ha per oggetto gli alimenti acquistati e non consumati: in base alle statistiche, ogni anno il valore del cibo sprecato è di circa 12 miliardi di euro. Come è possibile evitarlo? Innanzitutto, conservando in freezer quanto avanzato da un pasto, avvalendosi di sacchetti gelo o di confezioni dotate di coperchio. E se il freezer non offre spazio a sufficienza per gli avanzi, è possibile “riciclarli” velocemente cucinando dei piatti di recupero, dalle frittate alle torte salate. Ovviamente, recandosi al supermercato è importante non farsi prendere la mano dai prodotti in offerta, rapportando le quantità alle reali esigenze.

Limitare i consumi energetici

Non tutti sono a conoscenza del fatto che lasciare i dispositivi elettrici in modalità stand-by significa sprecare energia inutilmente. Solo spegnendoli completamente si avrà un azzeramento dei consumi. Chi è abituato a lavorare da casa con il PC dovrebbe impostare la modalità di risparmio energetico durante l’uso. Il vantaggio è duplice: oltre a limitare i consumi non sarà più costretto ad allacciare frequentemente il computer alla rete elettrica per ricaricare la batteria. Un’altra buona abitudine consiste nel sostituire le lampadine tradizionali con lampadine a LED, più performanti ed efficienti. Occhio, infine, ai grandi elettrodomestici, in primis frigorifero e lavatrice. Se riempire i comparti del frigo porta a un maggiore consumo di energia, anche scegliere modalità di lavaggio eco-friendly e limitare la temperatura della lavatrice è un ottimo modo per risparmiare.

Disdire alcuni abbonamenti poco sfruttati

Non solo palestre, ma anche piattaforme in streaming e TV via cavo; sono solo alcuni degli abbonamenti più diffusi in Italia. Se considerato individualmente, il costo di un abbonamento risulta piuttosto contenuto, ma è sufficiente fare una somma mensile per scoprire come, in realtà, l’ammontare complessivo non sia trascurabile. E, soprattutto, è necessario ricordare come si tratti di costi fissi e, come tali, non legati all’effettivo utilizzo del servizio. Il consiglio è di mantenere attivi solo gli abbonamenti sfruttati regolarmente. Nel caso delle piattaforme in streaming è anche possibile verificare l’eventuale esistenza di sconti o di opzioni di condivisione (Neflix permette di condividere la visione con un amico, dimezzando la spesa).

Utilizzare i codici sconto negli acquisti online

Noti anche come buoni sconto, coupon, voucher e codici promozionali, i codici sconto rappresentano uno degli strumenti più noti per risparmiare sugli acquisti in Rete. Un esempio è Discoup.com dove è possibile prelevare un codice sconto per risparmiare online. Forti di un procedimento decisamente intuitivo, sono anche uno strumento estremamente sicuro. Per quale motivo? Perché l’acquisto ha luogo direttamente nel sito ufficiale dei produttori, e non su piattaforme esterne. Chi desidera acquistare capi d’abbigliamento sull’e-shop di Asos, ad esempio, raggiunta la pagina di checkout è tenuto a incollare (o scrivere) il codice sconto in suo possesso nella sezione denominata “Codice Promozionale/Studenti o buoni”, cliccando successivamente su “Applica il codice”. Se il codice è valido, e la procedura eseguita correttamente, il valore associato allo sconto verrà detratto dall’importo complessivo da pagare. Molto simile è il funzionamento dei codici sconto sul sito Adidas. In questo caso, visualizzato il carrello (occorrerà cliccare sull’icona posizionata nella parte alta dello schermo) si verrà invitati a selezionare “Codice promozionale” nella sezione di riepilogo dell’ordine. Apparirà un campo vuoto, in cui andrà inserito il codice. Cliccando su “Applica” il codice stesso verrà riscattato, dando luogo allo sconto atteso. Non sempre i buoni danno diritto a uno sconto prevedendo, in alternativa, una serie di altri benefit, dall’esenzione dal pagamento delle spese di spedizione), al riconoscimento di articoli in omaggio.

Non lasciarsi tentare da acquisti impulsivi

Dopo settimane trascorse in isolamento è facile lasciarsi prendere dalla tentazione e, una volta usciti da casa, iniziare ad acquistare di tutto. In particolare, sono gli articoli tecnologici e il comparto moda, ad attirare numerose persone. Per evitare di acquistare articoli destinati a rimanere confinati nel guardaroba sarebbe meglio non farsi prendere dalla frenesia. Oltretutto, per quanto concerne l’abbigliamento, una buona idea quella è comprare fuori stagione, risparmiando sul prezzo di listino. I magazzini, infatti, hanno necessità di svuotarsi per poter fare spazio ai nuovi articoli da inserire in catalogo. Quando l’acquisto viene effettuato online anche attendere qualche giorno potrebbe rivelarsi vantaggioso, visto che i prezzi sono soliti variare nell’arco di pochissimo tempo. Addirittura, a fasce orarie diverse possono corrispondere prezzi diversi. Ad esempio, tra le 21 e le 23 (nei weekend anche tra le 18 e le 19) si concentra il maggior numero di visite e, pertanto, i prezzi proposti dalle piattaforme online sono generalmente più alti.

Acquistare più prodotti contemporaneamente e iscriversi ai servizi newsletter

Sempre prendendo in esame gli acquisti in Rete, occorre ricordare come le spese di spedizione, in molti casi, finiscano per avere un certo peso sul costo finale. Questo è ancora più vero per quanto concerne gli acquisti di piccolo taglio. È più conveniente, prima di effettuare un ordine, concedersi qualche giorno per preparare una lista degli articoli desiderati, attendendo che sia piuttosto corposa per procedere. Uno dei vantaggi indiscutibili del Web è il fatto di consentire agli utenti di porre a confronto le offerte di diversi siti avvalendosi dei motori di ricerca. Comparando i prezzi sarà più semplice valutare l’effettiva bontà di una singola offerta. Anche iscriversi alle newsletter ha i suoi vantaggi, in quanto sempre più e-shop sono soliti inviare agli iscritti delle promozioni esclusive via email.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social