Il cambio merce e gli ADV

Il cambio merce e gli ADV

Che cos’è il cambio merce
Il cambio merce è una forma di transazione economica che consente di eliminare il pagamento della pubblicità di beni oppure servizi con denaro. Per questo motivo viene chiamato anche bartering pubblicitario (https://it.wikipedia.org/wiki/Barter). Si tratta di una forma moderna di baratto, grazie alla quale il corrispettivo dell’agenzia pubblicitaria che svolge l’operazione di marketing viene versato sotto forma degli stessi prodotti reclamizzati. In questo modo le ditte che fruiscono della campagna pubblicitaria possono evitare di attingere alle proprie risorse finanziarie per coprire questa voce di spesa. Al tempo stesso il cambio merce pubblicitario risulta essere vantaggioso anche per gli operatori del settore marketing: proprio per questo motivo si tratta di una formula che ha incontrato un grande successo e che si sta diffondendo sempre più. Tuttavia bisogna tenere a mente che solo alcuni beni e servizi possono essere fruiti dalle agenzie pubblicitarie, gli altri devono essere rimessi in commercio. Per evitare forme di concorrenza sleale sono nati negozi appositi dove poter vendere questi articoli, gli ADV.

Gli ADV e le loro caratteristiche
Gli ADV in genere si trovano nelle grandi città e possono formare una vera e propria rete: è un esempio di questo fenomeno Adv Deal a Milano. In questi negozi i clienti sono rappresentati dai dipendenti di aziende convenzionate che hanno aderito al tesseramento. Le ditte possono aderire gratuitamente a questo circuito e questa caratteristica è stata introdotta con lo specifico obiettivo di ampliare notevolmente la cerchia dei potenziali acquirenti. Questo fatto è necessario in quanto l’acquisto dei beni e dei servizi ottenuti attraverso il cambio merce pubblicitario viene riservato esclusivamente ai possessori di tessera. Il requisito è fondamentale per impedire che il canale alternativo di vendita rappresentato dagli ADV entri in collisione con
i canali tradizionali. Infatti, proprio per il fatto di essere stati oggetto del cambio merce, gli articoli hanno costi nettamente inferiori a quelli presenti sul mercato. In genere sono scontati in una percentuale che va dal 40 al 70% e quindi sono veramente convenienti, anche troppo rispetto ai corrispettivi venduti con le modalità classiche. Proprio per questo motivo si necessita di un circuito apposito.

Alcuni aspetti da considerare
Grazie ai vantaggi offerti dal cambio merce pubblicitario gli ADV rappresentano dei veri e propri paradisi dello shopping. Infatti in questi negozi si possono trovare articoli e prodotti di qualunque tipo e tutti hanno prezzi altamente competitivi. Al tempo stesso la merce esposta si caratterizza per l’elevata rotazione. Ciò è dovuto da un lato al fatto che i prodotti messi in vendita vengono accuratamente selezionati, dall’altro alla loro disponibilità limitata. Infatti tutti gli esemplari non provengono dalla grande distribuzione, ma sono stati ritirati dal barter in cambio di una campagna pubblicitaria oppure di un servizio di marketing. Di conseguenza la velocità di rotazione delle merci in magazzino è davvero elevata. Questo fatto consente inoltre di avere a disposizione un ampio ventaglio di possibilità tra le quali poter scegli
ere, simile a quello offerto da un grande centro commerciale. In secondo luogo bisogna tenere a mente che le aziende utilizzano il cambio merce come sistema alternativo di pagamento non solo per non dover finanziare campagne di marketing con denaro liquido, ma anche per ragioni funzionali. Infatti la vendita attraverso gli ADV è un’ottima soluzione per testare un prodotto. Di conseguenza nei negozi si trovano articoli sempre alla moda, innovativi, attuali oppure che per il momento sono venduti in poche attività commerciali.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social