Bitcoin, Dipartimento di Giustizia americano sospetta manipolazione prezzi

Bitcoin, Dipartimento di Giustizia americano sospetta manipolazione prezzi

I prezzi del bitcoin sono stati influenzati giovedì da un rapporto secondo cui il Dipartimento di Giustizia e il principale regolatore nazionale sulle materie prime stanno valutando se i trader abbiano o meno manipolato il prezzo delle valute digitali.

Il valore di Bitcoin, che come noto è la più grande valuta digitale per capitalizzazione di mercato, è sceso del 3% circa in un minimo di sei settimane a $ 7.272 nei primi scambi, secondo l’indice dei prezzi di CoinDesk.

Dopo un successivo recupero, Bitcoin è stato di poco superiore a $ 7,524 nel trading di fine mattinata. Le oscillazioni dei prezzi sono arrivate dopo che Bloomberg News ha riferito che il Dipartimento di Giustizia aveva aperto un’indagine penale sulla potenziale manipolazione del mercato delle criptovalute. Stando a quanto riferito dal portale, gli investigatori federali stanno collaborando con la Commissione per il commercio di materie prime negli Stati Uniti, che regola i derivati finanziari che hanno valori legati alle valute digitali.

Gli investigatori si stanno concentrando su tattiche di negoziazione vietate che possono innescare oscillazioni dei prezzi. Includono lo spoofing, una strategia in cui i trader presentano transazioni false nel tentativo di ingannare gli altri nell’acquisto o nella vendita, afferma il rapporto. L’indagine si concentra anche sulle cosiddette operazioni di lavaggio, una tattica che coinvolge un trader contemporaneamente comprando e vendendo gli stessi strumenti finanziari.

Tali transazioni possono dare un’immagine falsa dell’attività di mercato e attirare gli altri nel commercio. Il Dipartimento di Giustizia non ha voluto commentare. La CFTC (acronimo di Commodity Futures Trading Commission) ha affermato che il regolatore “non confermerebbe né negherebbe alcuna attività investigativa”.

In generale, investigatori e regolatori federali hanno esaminato il commercio di Bitcoin e altre valute digitali sulla base di una storia di oscillazioni di prezzo errate nei valori di criptovaluta e timori che i mercati che ospitano il commercio potrebbero non avere sufficienti garanzie per rilevare e fermare le frodi. Riferendosi a consumatori e investitori, la CFTC ha messo in guardia sugli schemi di scambio che possono verificarsi “in monete virtuali alternative o nuove” “o in monete o gettoni digitali.”

“I clienti non dovrebbero acquistare valute virtuali, monete digitali o tokn basati sui suggerimenti dei social media o improvvisi picchi di prezzo “, ha avvertito il regolatore americano. Poi suggerisce: “Cerca accuratamente valute virtuali, monete digitali, token e le società o entità che stanno dietro di loro per distinguere il clamore dai fatti concreti”.

Bitcoin, i suggerimenti del CFTC

Il CFTC lunedì scorso ha pubblicato una guida per gli scambi registrati e le stanze di compensazione che elencano i nuovi derivati collegati alle valute digitali. Il regolatore ha consigliato ai centri commerciali di concentrarsi su una “maggiore sorveglianza del mercato” e di segnalare i grandi operatori mantenendo stretti contatti con il personale della CFTC.

In settembre, la Securities and Exchange Commission aveva avvertito a marzo di piattaforme di trading online potenzialmente illegali prive di supervisione regolamentare. L’avvertimento del regolatore di Wall Street ha detto che il suo staff è preoccupato che molte piattaforme di trading online potrebbero dare agli investitori una “cattiva impressione” che i mercati siano registrati e regolamentati dalla SEC.

“Anche se alcune di queste piattaforme pretendono di utilizzare standard rigorosi per selezionare solo beni digitali di qualità per il commercio, la SEC non rivede questi standard o le risorse digitali che le piattaforme selezionano, e le cosiddette norme non dovrebbero essere equiparate agli standard di quotazione delle borse valori nazionali”, ha avvertito la SEC.

Bitcoin arriverà a $ 25mila Lee

Il co-fondatore e strategist di Fundstrat Tom Lee sta tenendo fede alla sua previsione che Bitcoin (BTC) raggiungerà $ 25.000, ha riportato CNBC il 23 maggio.

Lee identifica tre fattori chiave che gli fanno credere che il prezzo salirà oltre il 2017:

Mercoledì, BTC è sceso sotto gli $ 8.000 e scambiato intorno a $ 7,500, perdendo la maggior parte dei guadagni realizzati da metà aprile all’inizio di maggio. Con il tuffo di mercoledì, BTC è ora in calo del 41% quest’anno. Lee ritiene che il calo sia dovuto solo alla “tipica cripto-volatilità” e spiega la sua posizione rialzista con tre fattori principali.

Il primo fattore chiave sono i costi di produzione e di replica di BTC. Alla fiera “Futures Now” su CNBC di martedì, Lee ha affermato che BTC “negoziava al costo”, perché il prezzo di produzione era quasi uguale al prezzo di negoziazione. Poiché, secondo Lee, i costi di produzione di BTC è stata di circa $ 6.000 mercoledì, vale ancora più del suo costo di estrazione.

Tra i principali fattori che potrebbero innescare un possibile aumento dei prezzi, Lee nomina investitori istituzionali che, pur essendo interessati al cripto spazio, non sono entrati completamente nel settore a causa di incertezze normative.

Infine, i dati compilati da Fundstrat mostrano una tendenza storica, in base alla quale Lee raccomanda agli investitori di mantenere il loro BTC.

All’inizio di questo mese, Fundstrat Global Advisors ha rivelato che la ricerca poneva il prezzo di BTC a $ 36.000 nel 2019 sulla base delle medie storiche. L’analisi della relazione tra i costi di mining di BTC e il prezzo ha portato gli analisti a prevedere l’intervallo di criptovaluta tra $ 20.000 e $ 64.000 entro la fine del 2019.

Al momento della scrittura, BTC scambia a $ 7.434,44. Dunque è di nuovo in flessione dopo aver superato qualche giorno fa quota 9mila dollari.

Comments are closed.

h24Social