Il biglietto da visita: le regole per presentarti nel modo giusto

Il biglietto da visita: le regole per presentarti nel modo giusto

Il biglietto da visita: le regole per presentarti nel modo giusto

Il biglietto da visita è uno strumento indispensabile quando si è a contatto con le persone. Prima o poi quindi bisogna pensare a crearseli o farli fare e stampare da altri, per portarli sempre con sé, in ogni evenienza, per avere sempre pronto il proprio bigliettino con i propri contatti da sfoderare. Il vecchio numero di telefono scritto sul retro di uno scontrino, è decisamente superato e obsoleto. Un professionista che si rispetti necessita di un biglietto da visita. La realizzazione e la stampa biglietti da visita oggi è economica e conveniente.

Per creare un biglietto da visita è possibile delegare tutto a una stamperia vicino a casa, ma i costi sono davvero elevati. Oggi la maggior parte dei professionisti stampa biglietti da visita online, grazie a siti specializzati. I portali per la creazione dell’immagine o del pdf con il proprio biglietto sono diversi, alcuni particolarmente semplici da utilizzare. L’importante è seguire qualche semplice regola, per un lavoro perfetto. La perfezione per il biglietto da visita deve essere assoluta: è la prima immagine che si dà a un cliente, quindi bisogna prestare molta attenzione.

Il carattere del biglietto da visita

Ogni dettaglio del biglietto da visita deve essere curato, a partire dalla carta. Questa deve essere di valore, ben rigida e spessa, gradevole al tatto. Per dare subito un’impressione positiva. I biglietti di scarsa qualità si vedono subito, purtroppo è così. Tuttavia anche se non siete degli esperti del pc, i siti web per stampa biglietti da visita di solito permettono un controllo preventivo, per sistemare i piccoli dettagli.

Un biglietto da visita dev’essere studiato anticipatamente. In base al messaggio che intende dare, al tipo di professione che rappresenta e alle informazioni che si intendono dare. Un medico avrà un biglietto chiaro, nitido e sobrio; un clown o una babysitter invece hanno bisogno di qualcosa di più divertente e diverso.

La prima cosa quindi è stabilire a chi è destinato il biglietto da visita e il messaggio da comunicare a chi lo riceve. Si intende dare l’impressione di creatività e originalità? Oppure l’immagine che deve trasparire è quella di una persona professionale e solida? Il carattere del biglietto cambierà ovviamente.

Gli elementi che costituiscono un biglietto da visita

Fronte-retro: il biglietto da visita può essere fronte retro oppure solo fronte, in base alla quantità di informazioni che si intendono dare si potrà scegliere l’una o l’altra opzione.

Colori: dovrebbero essere ridotti a due o tre al massimo, meglio se si tratta di colori di base. Se avete un sito web, la cosa migliore sarebbe utilizzare i colori dello stesso, per dare a tutto quello che vi riguarda una coerenza logica e un carattere specifico. Lo stesso vale anche per altre forme di marketing cartaceo eventuali, come brochure, volantini etc.

Immagini e loghi: trovare lo spazio per un’immagine in un biglietto da visita non è affatto semplice, se però ne avete la possibilità fate in modo che sia ad alta risoluzione e che distingua il biglietto da visita, che lo renda attraente.

Carattere del testo: il font deve essere adeguato alle dimensioni del biglietto da visita ed è bene usare un tipo di carattere chiaro e comprensibile. Un esempio? Il classico Times New Roman oppure Helvetica. Anche se lo spazio è ridotto, non bisogna scegliere un carattere troppo piccolo, per non dover sgranare gli occhi quando si legge. Per questo tipo di supporto cartaceo, meglio evitare caratteri particolari come il sottolineato, il corsivo, l’ombreggiato. É bene assicurarsi di avere anche abbastanza spazio fra una riga e l’altra, per maggiore chiarezza, e che se c’è un’immagine, sia possibile leggere i caratteri che la sovrastano.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social