Acquisto auto usate e legge 104: conosci questa agevolazione fiscale?

Acquisto auto usate e legge 104: conosci questa agevolazione fiscale?

Se siete affetti da handicap dovreste sapere che per quanto riguarda l’acquisto di un’auto avete diritto a determinate agevolazioni fiscali. È la cosiddetta legge 104 del 1992 a darvele. Di che si tratta? Cerchiamo di capirlo subito.

I vantaggi

Le agevolazioni a cui fa riferimento la Legge 104 sono:

  • l’IVA agevolata al 4% per l’acquisto del mezzo (di un mezzo ogni 4 anni a meno che non sia stato rubato o demolito),
  • la detrazione Irpef del 19% sulla spesa delle riparazioni o sull’acquisto del mezzo,
  • l’esenzione del pagamento delle imposte per il passaggio di proprietà (non per non vedenti o non udenti) e l’esenzione del pagamento del bollo.

Tali agevolazioni valgono per un solo mezzo anche se la persona possiede più veicoli. A beneficiare delle agevolazioni possono essere solo persone fisiche, cioè non sono comprese associazioni, cooperative, enti locali etc. anche se questi hanno necessità di trasportare persone con disabilità.

Chi ne ha diritto

La legge 104/1992 in Italia consente particolari vantaggi economici per l’acquisto di un’auto da parte di chi è affetto da disabilità. La persona deve avere un alto (stabilito) livello di disabilità motoria, difficoltà di deambulazione, o essere non udente o non vedente o, ancora, avere handicap psichici o mentali quindi essere titolari di indennità di accompagnamento.

La disabilità ovviamente deve essere provata da un certificato dell’azienda sanitaria competente. Questo ovviamente purché sia lo stesso il principale o esclusivo utilizzatore del mezzo o comunque purché la persona con la grave disabilità rientri nel nucleo familiare (quindi l’acquisto può essere fatto anche da qualcun altro). Le persone con impedimenti motori possono avere diritto alle agevolazioni fiscali se provvedono ad adattare il veicolo per la propria disabilità (c’è una lista precisa di modifiche).

Tale adattamento non è indispensabile invece per gli altri disabili con certificazione. L’auto in tali casi sarà specifica per portatori di handicap. Se tuttavia il disabile è minorenne il mezzo può essere una normale e regolare vettura.

Vantaggi e agevolazioni: per quali mezzi?

Il vantaggio non è per tutti i veicoli ovviamente ma il mezzo deve rientrare nell’elenco che è stato redatto dall’Agenzia delle Entrate. Ci sono tre categorie di mezzi che vi rientrano: le autovetture, gli autocaravan, le motocarrozzette (cioè i veicoli a tre ruote specifici per i disabili). In realtà per gli autocaravan c’è solo la detrazione Irpef. Come si può notare dalla lista dei mezzi che possono usufruire di agevolazioni sono escluse le minicar, cioè le vetture che si possono guidare senza obbligo di patente.

La legge stabilisce la cilindrata e il tipo di alimentazione dei veicoli, nonché gli allestimenti interni nel caso degli adattamenti di veicoli alle disabilità.

Come si ottengono le agevolazioni?

Per ottenere le agevolazioni fiscali bisogna presentare la fotocopia della patente di guida di tipo “speciale”, cioè quella per disabili che guidano.

Oltre a questa anche la copia del libretto di circolazione del mezzo, cosicché sia comprovato che il veicolo è adattato alla disabilità o che abbia i dispositivi prescritti per la persona che avanza la domanda. In associazione a questi documenti bisogna presentare una copia del certificato di invalidità rilasciata dall’ente competente.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social