Acquistare un furgone: meglio il nuovo o l’usato?

Acquistare un furgone: meglio il nuovo o l’usato?

La scelta del veicolo commerciale da acquistare deve essere ponderata con la massima attenzione: dalle prestazioni del mezzo, infatti, dipendono il tuo lavoro e i tuoi guadagni. È per questo motivo che non ti puoi permettere di comprare un furgone poco affidabile, anche se magari lo hai pagato poco, solo per risparmiare. Ma dove puoi essere certo di trovare mezzi di qualità?

Nel caso in cui tu voglia esplorare gli annunci relativi ai furgoni usati in vendita in Italia e all’estero ti conviene fare riferimento a Tradus, piattaforma online che fa capo al gruppo OLX. Questo network comprende piattaforme per inserzioni in oltre 40 ambiti di attività, e si propone come la rete a cui affidarsi per lo scambio e la compravendita di beni di seconda mano: tra cui, appunto, i furgoni, i camion e ogni altro tipo di veicolo commerciale. Usare Tradus è davvero semplice, oltre che gratuito: una volta che hai individuato un mezzo che ti potrebbe interessare, non devi fare altro che contattare il venditore tramite il web o al telefono. In tutto il mondo sono centinaia di milioni le persone che visitano il sito, per un totale di poco meno di 2 miliardi di visite al mese e più di 35 miliardi di pagine viste. Con decine di milioni di annunci pubblicati, chiunque ha la certezza di riuscire a trovare ciò di cui ha bisogno, esplorando tra le varie inserzioni.

Che cosa valutare in un furgone di seconda mano

L’acquisto di un furgone usato è decisamente conveniente dal punto di vista economico, ma cerca di prestare attenzione ad alcuni dettagli decisivi. Per esempio, tieni conto delle prestazioni del motore pensando che nella maggior parte dei casi il veicolo sarà pieno: avrai bisogno, quindi, di una potenza in grado di sostenere un carico elevato. Anche quello relativo ai consumi è un aspetto da non sottovalutare, a maggior ragione nel caso in cui il tuo lavoro ti porti a percorrere centinaia di chilometri ogni giorno: insomma, non puoi pensare di spendere cifre stratosferiche per ogni rifornimento di carburante. Come puoi intuire, l’affidabilità e la sicurezza di un veicolo di questo tipo dipendono da una grande varietà di criteri: di certo un furgone è sottoposto a sollecitazioni superiori a quelle di una normale auto, anche a causa di un utilizzo quotidiano.

La capacità di carico

Quando pensi ai pro e ai contro dei vari mezzi che stai esaminando, concentrati anche sulla capacità di carico e sulle dimensioni. Il formato ideale di un furgone varia in base al lavoro che si svolge e ai carichi che devono essere trasportati. Giusto per fare un esempio, chi lavora come elettricista non necessita di un veicolo molto luminoso, mentre una ditta di traslochi ha bisogno di un furgone decisamente più spazioso. Insomma, sia la capacità di carico che il peso sono aspetti che non possono essere trascurati se si vuole portare a termine un buon affare. Vale la pena di precisare che quando si parla di capacità di carico si fa riferimento alla differenza tra il peso del veicolo vuoto e la massa totale permessa: in pratica, essa corrisponde alla capacità globale che può essere sostenuta dal furgone. Non è detto che la capacità di carico sia direttamente proporzionale alle dimensioni: un furgone grande potrebbe garantire una capacità di carico inferiore rispetto a uno piccolo.

Meglio il nuovo o l’usato?

Decidere se sia meglio comprare un furgone nuovo o usato è frutto di una valutazione personale che non può prescindere dal budget disponibile. Chiaramente il prezzo non è il solo aspetto a cui badare. Dal momento che il furgone dovrà percorrere molti chilometri ogni giorno, è preferibile evitare di ricorrere a un mezzo con troppi anni alle spalle. È probabile, infatti, che un furgone non nuovo abbia consumi più elevati rispetto ai modelli di ultima generazione; inoltre è presumibile che sia molto usurato, il che lo espone al rischio di guasti o malfunzionamenti che potrebbero richiedere costosi interventi in officina. Non è mai una cattiva idea quella di informarsi sulle riviste del settore, su Internet e sui magazine specializzati, anche per avere una panoramica completa dei costi con cui si potrebbe avere a che fare.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social