Associazione mafiosa, 40 indagati e 25 misure cautelari: c’è anche il sindaco

Una retata che ha sconvolto un po’ tutti gli ambienti della città, nessuno escluso. Da questa mattina Aprilia guarda a quanto sta accadendo a seguito di quanto disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, intervenuta all’alba per far scattare misure cautelari ai danni di 25 persone, mentre sarebbero 40 quelle indagate.

Tra questi, figura anche il sindaco in carica Lanfranco Principi. I fatti contestati sarebbero riconducibili al 2018 quando era vicesindaco della giunta Terra. Per lui, la misura cautelare degli arresti domiciliari.


L’accusa, seppur a titolo diverso per i diversi indagati è molto pesante e risponde all’associazione mafiosa finalizzata a estorsioni, usura, reati contro la pubblica amministrazione e addirittura traffico di sostanze stupefacenti.

IL VIDEO

LA NOTA STAMPA

Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, in Aprilia è in corso una vasta operazione della Direzione Investigativa Antimafia e del Comando Provinciale dei Carabinieri di Latina per dare esecuzione a un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone misure cautelari nei confronti di 25 persone, talune delle quali gravemente indiziate di far parte di un’associazione mafiosa radicata in Aprilia finalizzata alla consumazione di estorsioni, usura, reati contro la pubblica amministrazione e traffico di sostanze stupefacenti.

Più in particolare, nel corso della attività di indagine, avviata nel marzo 2018 dalla Direzione Investigativa Antimafia – Centro Operativo di Roma con il supporto, dall’ottobre dello stesso anno, del Reparto Territoriale Carabinieri di Aprilia, con il coordinamento della DDA della Procura di Roma, sono stati raccolti elementi gravemente indiziari in ordine alla esistenza di una associazione mafiosa, operante nel territorio di Aprilia e comuni limitrofi avvalendosi della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva, avente come finalità quella di commettere
più delitti:

• di traffico di sostanza stupefacente, di estorsione aggravata, rapina, lesioni e minaccia utili ad imporsi sul territorio ed ottenere il sostentamento di affiliati detenuti;
• di usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria nei confronti di commercianti e imprenditori della cittadina di Aprilia per somme di denaro cospicue e con l’imposizione di tassi usurari;
• di detenzione e porto di armi utili alla consumazione dei reati fine e al mantenimento del controllo del territorio e ribadire la superiorità del sodalizio;
• di acquisire in modo diretto e indiretto la gestione e comunque il controllo di attività economiche, di appalti e servizi pubblici, di ostacolare il libero esercizio del voto.

Unitamente alle misure cautelari personali, eseguite nei confronti di indagati per i quali vige il principio di presunzione di innocenza, venivano disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari misure cautelari reali e sono in corso anche numerose perquisizioni.
Alle 12.30 odierne verrà tenuta una conferenza stampa negli Uffici della Procura della
Repubblica di Roma.