Raffica di incendi anche a Fondi, le fiamme lambiscono case e attività

Giorni di fuoco anche a Fondi. Particolarmente intensa la giornata di lunedì, con vasti roghi che si sono susseguiti dalle 8.30 a sera, in alcuni casi creando non pochi rischi per abitazioni e attività, minacciate per ore.

Il primo allarme è scattato all’interno di una proprietà privata in via Giovanni Gentile, con le fiamme che hanno attecchito su delle sterpaglie e del legname. A seguire, oltre a un rogo che ha lambito l’area dell’ex discarica di Quarto Iannotta, si è sviluppato un incendio in via Fucito, divampato poco prima di mezzogiorno: ha interessato sterpaglie e un canneto, mettendo in pericolo diverse case. Ma l’intervento maggiormente degno di nota – protrattosi dalle 14 – è avvenuto nella frazione San Magno, in via Sant’Oliva. Al di là della vegetazione, il fuoco ha travolto un uliveto, una baracca, un’area riservata a eventi e una cella frigorifera.


I danni sono stati limitati dal provvidenziale intervento dei Falchi della protezione civile, già impegnati nei principali roghi della giornata e nell’occasione al lavoro con i vigili del fuoco del distaccamento di Gaeta e con i residenti, supportati dall’alto dai lanci d’acqua di un elicottero regionale. Le fiamme hanno messo daccapo a repentaglio alcune abitazioni, oltre che una segheria, un’altra attività nelle vicinanze, una rimessa al cui interno erano presenti animali e una contenente attrezzi agricoli. «È stato un inferno, si prospetta l’ennesima stagione di guerra», il commento del presidente dei Falchi, Mario Marino.