Torna a casa l’operaio arrestato con 825 grammi di cocaina

Il Tribunale del Riesame di Roma ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Pasquale Cardillo Cupo e Giovanni Luparo, concedendo gli arresti domiciliari a P.P., il cinquantenne operaio di Latina tratto in arresto dai carabinieri del capoluogo tra il 30 e il 31 dicembre, con un carico da 825 grammi di cocaina.

Secondo, gli inquirenti l’ingente carico era finalizzato a soddisfare le richieste del capoluogo per il Capodanno. I difensori hanno evidenziato tuttavia come le esigenze cautelari potessero essere soddisfatte anche con i domiciliari non essendovi alcun elemento da cui desumere un radicato inserimento dell’uomo nel narcotraffico, trattandosi di condotta estemporanea. Così, nella giornata di luned’ il cinquantenne ha lasciato il carcere di Rebibbia e fatto rientro a casa.