La polizia notifica l’arresto per maltrattamenti e armi, spuntano droga e bilancino

Mercoledì mattina gli agenti della Volante della Questura di Latina erano stati delegati dell’esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal gip Giorgia Castriota nei confronti di un 42enne del capoluogo, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e detenzione illegale di armi. L’uomo, che annovera vari procedimenti penali per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti, è stato inoltre sottoposto a una perquisizione domiciliare delegata dal sostituto procuratore Martina Taglione.

L’attività di polizia giudiziaria a stretto giro ha dato i suoi frutti: il 42enne è stato trovato in possesso di 48 grammi di cocaina e 45 di hashish, oltre a tutto l’occorrente per il dosaggio e il confezionamento delle sostanze. Dal bilancino di precisione alle bustine di cellophane, fino alla sostanza da taglio e a una somma in denaro pari ad euro 3.360, presunto provento degli illeciti traffici.


Pertanto, al termine delle operazioni, il pluripregiudicato, anziché essere sottoposto al regime degli arresti domiciliari, è stato tratto in arresto per quanto emerso e condotto in carcere.

Martedì intanto gli agenti della squadra Volante hanno dato esecuzione ad un’altra ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dall’autorità giudiziaria di Latina nei confronti di un 26enne: si era recentemente reso responsabile di aggressioni violente nei confronti di negozianti di via Dell’Agora, in particolare contro un fruttivendolo cui aveva anche causato lesioni.