Caso Schiff e violenze nell’Aeronautica, al via il processo

Al via, davanti al Tribunale di Latina, il processo a otto sergenti del 70esimo Stormo dell’Aeronautica di Latina, accusati di violenze nei confronti della ex collega Giulia Schiff, allieva pilota poi espulsa dall’Aeronautica Militare.

La giovane di Mira, in provincia di Venezia, ha denunciato, mostrando anche un video, di essere stata colpita contro la sua volontà, durante il rito del battesimo del volo, il 7 aprile 2018, con circa cento frustate, spinta contro l’ala di un aereo e poi buttata in una piscina.


Imputati Andrea Angelelli, di Copertino, Leonardo Facchetti, di Manerbio, Joseph Garzisi, di Patrica, Luca Mignanti, di Montalto di Castro, Matteo Pagliari, di San Severino Marche, Ida Picone, di Vicenza, Andrea Farulli, di Gessate, e Gabriele Onori, di Tivoli.

A chiedere al giudice Laura Morselli di potersi costituire parte civile sono stati, oltre alla presunta vittima, il Partito radicale, il Partito tutela dei diritti dei militari e Doppia Difesa, la fondazione costituita da Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno.

Sul fronte dei testimoni, invece, l’avvocato Michela Scafetta, che difende cinque imputati, sembra puntare sull’esame di donne pilota, e il legale di Giulia Schiff, l’avvocato Massimiliano Strampelli, che ha anche chiesto la citazione del Ministero della difesa come responsabile civile, sui militari, ufficiali e non, presenti al rito incriminato.

Il giudice Morselli si è riservato qualsiasi decisione e la prossima udienza è fissata per il 21 marzo 2022.