Roccagorga, Romanzi torna in maggioranza. Nuove deleghe

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Mario Romanzi è tornato in maggioranza. Vedendo il sindaco di Roccagorga Nancy Piccaro confermarlo nel ruolo di vicesindaco con delega ai rapporti con l’azienda speciale, ai fondi europei e all’ambiente, con la nuova assegnazione delle deleghe ai lavori pubblici e all’urbanistica.

“Non nascondo di essere ancora basito – dichiara il vicesindaco Romanzi –  dalle vicende dell’ultimo consiglio comunale, in cui qualche membro della maggioranza in maniera sorprendente è caduto nell’artificio politico del Pd di far rinviare l’approvazione del monumento naturale, che tra l’altro è nel Documento Unico di Programmazione della nostra amministrazione


Ciò posto, il senso di responsabilità è stato determinante nel rientro in quanto non può sfuggire che far venire meno i numeri all’amministrazione in questo momento significherebbe causare automaticamente il dissesto finanziario del Comune, in quanto sono pendenti i termini per l’approvazione del Piano di riequilibrio per i pregressi debiti lasciati dal Partito Democratico nei suoi 10 anni di governo.

La sindaca di Roccagorga

Questo mi permetterà di continuare – continua Romanzi – a seguire politicamente l’azione di risanamento della azienda speciale e i progetti sull’ambiente (specie dopo l’approvazione del progetto ossigeno, spighe verdi, finanziamento avvio Tarip) e di occuparmi dei lavori pubblici e dell’urbanistica, ancora mai assegnate dall’insediamento della Giunta Piccaro. Quest’ultime deleghe mi sono state conferite in quanto il sindaco ha valorizzato il mio percorso professionale di avvocato amministrativista e pertanto sarò orgoglioso di mettere a disposizione di tutta la comunità le mie competenze in materia. Ringrazio nuovamente il sindaco per la fiducia e come gruppo politico ribadiamo la massima lealtà nei confronti della amministrazione anche perché da FdI non è mai arrivato un voto contrario alla amministrazione.

Infine, ci tengo a rispedire al mittente le insinuazioni infamanti della Restaini, vera signora indiscussa degli incarichi bipartisan calati dall’alto e a carico dei contribuenti come l’ultimo ricevuto in Provincia, che persegue l’unico obiettivo di avvelenare il clima politico in paese per il beneficio di non si sa chi. La politica è una cosa seria”.