Inchiesta antimafia “Reset”, Mascetti ottiene i domiciliari

Arresti domiciliari per Silvio Mascetti, indagato nell’inchiesta antimafia “Reset”, relativa agli affari portati avanti dal clan Travali soprattutto con il traffico di droga.

Il gip del Tribunale di Roma, Simona Calegari, accogliendo l’istanza dell’avvocato Pasquale Cardillo Cupo, ha concesso il beneficio all’arrestato.


Mascetti era detenuto presso la casa circondariale di Siracusa ed è accusato di essere parte dell’organizzazione criminale.

Il difensore ha sostenuto che le esigenze cautelari, alla luce del lasso temporale trascorso dai fatti in contestazione e del reinserimento operato da Mascetti nel periodo detentivo, si sono affievolite e posso essere tutelate anche con la misura domiciliare.

L’Antimafia di Roma ha intanto chiuso le indagini preliminari e si attende la fissazione dell’udienza preliminare.

Sono 34 gli indagati dai pm Corrado Fasanelli e Luigia Spinelli.

Per la Dda, alla luce delle indagini svolte dalla squadra mobile di Latina, il clan Travali avrebbe costituito un’organizzazione dedita al narcotraffico, rifornendo di cocaina, hashish e marijuana le piazze di spaccio di Latina, Cisterna, Sezze e Aprilia.

Diverse anche le estorsioni contestate, comprese quelle ai titolari di negozi di griffe del centro di Latina e ad alcuni avvocati.