‘Puliamo il mondo’, la campagna di Legambiente arriva al parco del Montuno

Il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, autore della vertenza dal 2016 per la riapertura del Parco del Montuno dopo un decennio di abbandono, vertenza conclusasi ad aprile 2018 con la definitiva riapertura del Parco e con la sottoscrizione di una convenzione con il Circolo per la sua valorizzazione, e da sempre impegnato per la sua tutela e la valorizzazione, torna con Puliamo il Mondo 2021, la storica campagna di volontariato ambientale di Legambiente sulla gestione sostenibile dei rifiuti e sulla promozione dell’economia circolare, giunta quest’anno alla sua 29esima edizione, domenica prossima 26 settembre dalle 10 al Parco, purtroppo recentemente oggetto, soprattutto durante l’estate, anche di indiscriminati abbandoni di rifiuti e di atti vandalici. Infatti proprio a causa della pandemia da COVID19 si è notata una recrudescenza dei fenomeni di abbandono di rifiuti e vandalismo giovanile, spesso contrastati solo grazie alla presenza dei nostri volontari, e il circolo vuole informare la cittadinanza di una serie di problematiche connesse al Parco, un vero gioiello della città che merita la massima attenzione delle Istituzioni e delle Forze dell’Ordine.

Con l’occasione verrà indetta anche una conferenza stampa domenica 26 settembre dalle 10 alle 11.00 proprio per riportare l’attenzione sulle problematiche e per lanciare una nuova iniziativa di presidio continuativo del Parco da parte di volontari Legambiente i quali, dopo essere stati impegnati durante l’estate nel Parco per la sorveglianza anti-incendio, per l’irrigazione di piante e alberi e per azioni di miglioramento del decoro, saranno a disposizione in giorni e orari stabiliti per presidiare il Parco, e informare i cittadini sulle sue bellezze e le sue le preziosità e rarità. Inoltre sarà cura dei volontari del Circolo incontrare tutte le Forze dell’Ordine attive sul territorio per rappresentare l’esigenza di un maggiore controllo e una maggiore sorveglianza.


Ricordiamo che il Parco è oggetto di una Convenzione del Comune con il Circolo a titolo completamente gratuito per la sua valorizzazione e il nostro Circolo Legambiente da mesi attende, nonostante ripetuti solleciti, una risposta della Amministrazione Comunale – che pure ai sensi della Convenzione firmata sarebbe tenuta a darla- in merito a diverse questioni sollevate e anche e soprattutto in merito al progetto di una piccola sede del Circolo da realizzare nel Parco, prevista nella Convenzione, e ricordiamo anche che nessuna delle forze politiche, che pure avevano partecipato solo un anno fa in campagna elettorale- precisamente il 9 settembre 2020– ad un incontro al Parco promosso dal Circolo https://legambienteterracina.wordpress.com/2020/09/02/appello-ai-candidati-sindaco-del-comune-di-terracina-il-circolo-legambiente-terracina-pisco-montano-dopo-una-vertenza-durata-due-anni-per-la-riapertura-del-parco-del-montuno-e-dopo/, e che oggi siedono in Consiglio Comunale, si è mai più interessata ed occupata delle specifiche necessità del Parco, uno dei Parchi più importanti della Città, nonostante queste fossero state ben evidenziate dal Circolo.

La giornata di Puliamo il Mondo sarà quindi l’occasione anche per riportare, come merita, il Parco al centro del dibattito cittadino.

La presidente di Legambiente Terracina, Anna Giannetti

“Purtroppo devo tristemente constatare che, con la pandemia da COVID19, sono aumentati gli atti vandalici, le effrazioni notturne, l’abbandono dei rifiuti ed è quindi necessario rafforzare il presidio e la vigilanza da parte dei nostri volontari, già impegnati durante l’estate proprio per salvaguardare la flora del parco dalla siccità e per mantenere al meglio il decoro del Parco. Con la nostra giornata di domenica per Puliamo il Mondo 2021, storica campagna nazionale di Legambiente giunta alla sua 29^ edizione, vogliamo ripulire e sistemare il parco dopo l’estate e ci auguriamo che siano tanti i cittadini che si uniranno a noi per difendere e valorizzare questo importante bene comune cittadino, strappato al degrado e all’incuria e riaperto, grazie all’azione del nostro Circolo, dopo dieci anni solo nel 2018. Sarà nostra cura coinvolgere anche le Scuole, confidando in una ripartenza dopo la pandemia da COVID19, in modo da creare anche un presidio giovanile del Parco. Debbo però tristemente constatare che sul Parco ad oggi tutto tace perché oltre al silenzio e all’inerzia della Amministrazione Comunale che non risponde da mesi alle nostre istanze, anche nessuna forza politica, di governo e di opposizione, che oggi siede in Consiglio Comunale e che pure aveva partecipato alla nostra iniziativa di presentazione del Parco e delle sue problematiche durante la campagna elettorale, il 9 settembre 2020, ci ha mai più contattato mostrando interesse per questa preziosa area verde della nostra città. Noi abbiamo continuato a prendercene cura, in modo compatibile con la pandemia da COVID19, e restiamo in fiduciosa attesa di risposte dalla Amministrazione, più volte sollecitata da noi con PEC. Abbiamo presentato sempre mesi fa un progetto per la costruzione di una casetta ecologica al Parco, visto che il nostro Circolo ha raggiunto – con il proprio crowdfunding- la quota necessaria di auto-finanziamento, presidio peraltro previsto dalla Convenzione, ma non abbiamo avuto risposta e quindi i nostri volontari continuano a doversi sobbarcare, tra gli altri, anche l’onere di portare da casa attrezzi e macchinari per piccole pulizie, manutenzioni e irrigazione, non avendo nessuno spazio chiuso in cui lasciarli, attività queste peraltro che vengono svolte senza di fatto esserne obbligati dalla Convenzione ma solo per migliorare il decoro e rendere la fruizione del Parco più gradevole per tutti. In previsione di un auspicato rinnovo della Convenzione a titolo gratuito, in scadenza il prossimo giugno, presenteremo un progetto complessivo aggiornato rispetto a quello del 2018, che inquadri tutte le necessità del Parco e le sue potenzialità per un turismo sostenibile di qualità, anche tenendo conto di quanto richiesto dalla cittadinanza e dai turisti che frequentano il Parco e che oltre a sostenerci ed apprezzare quello che facciamo, spesso ci danno consigli e suggerimenti utilissimi e soprattutto tenendo conto di quanto fatto dai volontari di Legambiente Terracina in questi anni – i quali non hanno mai ricevuto per il loro attivismo, apprezzamento o sostegno dalla Amministrazione, nonostante la Regione Lazio stia finanziando i Comuni proprio con misure orientate alla formalizzazione di patti di collaborazione tra Amministrazione e Cittadini e Associazioni per la cura dei parchi cittadini.” dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” e Consigliere Nazionale dell’Associazione.