Distrutte le oltre 2000 piante di marijuana sequestrate tra Aprilia e Lanuvio

Nei giorni scorsi si sono conosciuti gli esiti delle analisi sui campioni prelevati all’interno di una piantagione di marijuana, scoperta alla fine dello scorso mese di luglio dagli agenti del Commissariato di Cisterna ed insistente su un terreno agricolo di circa 2500 metri quadrati, tra i comuni di Aprilia (LT) e Lanuvio (RM), sul quale erano state realizzate quattro enormi serre nelle quali erano messe a dimora oltre 2000 piante di marijuana (a caldo ne erano state contate circa 200 in meno).

Le risultanze hanno confermato l’alto valore di principio attivo delle infiorescenze, ragion per cui la Procura della Repubblica di Velletri, titolare delle indagini, ha disposto la distruzione dell’intera piantagione.


 

L’operazione ha avuto inizio alle prime luci dell’alba di lunedì, ed ha visto l’aratura dei terreni con triturazione delle piante illegalmente coltivate. Si ricorda che per l’illecito furono a suo tempo deferiti in stato di libertà due uomini, entrambi di origine calabrese.